Utente 182XXX
Salve sono una ragazzo di 24 anni (sono dell'86). Faccio calcio a livello amatoriale e il 13/9/2010 mi sono recato per la visita agonistica, il medico sportivo ha scritto "si richiede ecocolordoppler cardiaco ed EGC secondo Holter per frequente aritmia ventricolare a riposo in soggetto praticante attività sportiva agonistica". Così mi sono recato dal mio medico di famiglia mi sono fatto dare le richieste per effettuare queste due visite.
I risultati sono:
-19/10/2010Ecocolordoppler cardiaco-
Conclusioni: Esame nei limiti della norma
-13/11/2010elettrocardiogramma dinamico Holter-
Ritmo sinusale, fc media di 65 bpm. PR 0.12 sec. Nessuna modificazione del tratto ST di significato diagnostico. Frequentissima extrasistolia ventricolare monomorfa, isolata ed in periodi di bigeminismo. Nessuna aritmia sopraventricolare. Nessuna pausa patologica.
Battiti 94652
normale 81329
atipico 13298
rumore 00:11:38
SD 185 msec
pNN50 30
rMSSD 71 msec
AFIB 00:08:47
VENTRICOLARI
VEB 13246
BIG 449
Più lunga 404 battiti
Fc max 106 Bpm
CONDUZIONE
BRA 52
Più lunga 4 battiti
Fc min 34 Bpm

Ho riportato questi esami al medico sportivo ma non mi ha voluto rilasciare il documento di idoneità, dicendomi di recarmi da un cardiologo.
Ho fatto vedere questi risultati al mio medico di famiglia è mi ha ORDINATO di stare fermo e non fare allenamenti finchè non vado dal cardiologo.
Da fine agosto (quando è iniziato il ritiro della squadra) fino a circa metà novembre non ho saltato un'allenamento.
La visita dal cardiologo la avrei il 27/01/2011 (me lo ha consigliato il mio medico) quindi devo stare fermo per 2 mesi.
Le mie domande:
1) Io mi sento benissimo, perchè non posso allenarmi visto che questa aritmia è a riposo?
2) Che cure dovrò fare? Saranno lunghe?
3) Posso tornare a giocare a livello agonistico?
4) Come si combatte questa malattia?

Aggiungo che non fumo, non bevo alcolici( in media, max 1 bicchiere alla settimana con amici) e non bevo caffè e credo di mangiare in modo sano.

Questo fatto ha messo sia me che mia madre molto in allarme, spero che non sia nulla di grave anche perchè questi 2 medici non mi hanno potuto dire nulla di specifico non essendo dei cardiologi e devo aspettare la visita specialistica di gennaio. Grazie dell'attenzione e a chi risponderà!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

- l'extrasistoli ventricolare isolata e monomorfa in soggetti senza evidenza di cardiopatia strutturale in atto ha una prognosi benigna.

- Le extrasistoli ventricolari che scompaiono con lo sforzo hanno una prognosi benigna.

La maggiore attenzione dedicata da parte dei colleghi al suo caso è legata all'idoneità sportiva agonostica. Infatti:

- In accordo con le linee guida dell'idoneità sportiva cardiologica 2010, in caso si riscontri in un'atleta extrasistolia ventricolare frequente in cuore strutturalmente sano, si ritiene utile una rivalutazione dopo 3-6 mesi di detraining (disallenamento) per verificare il loro andamento nel tempo e l'influenza dell'allenamento stesso sulle extrasistoli.

- Dopo questo periodo l’idoneità può essere concessa in assenza di storia familiare di morte improvvisa o di patologie aritmogene; in assenza di cardiopatia; in assenza di sintomi maggiori (cardiopalmo
prolungato, presincope o sincope).

Alla luce di quanto detto, può trascorrere una serena attesa fino alla valutazione "de visu" del collega cardiologo.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la sua risposta semplice e esauriente.