Utente 182XXX
Buongiorno, ho letto altre risposte inerenti il tumore glomico sulle dita: io da anni ho il dito anulare della mano destra sensibilissimo nella parte all'attaccatura dell'unghia. Mi basta un leggaro colpetto per rimanere senza fiato dal dolore, e a volte, con freddo intenso, sento delle fitte. L'unghia inoltre sta crescendo con una parte indebolita, e si rompe prima di uscire. Ho già fatto un'ecografia dalla quale non è emerso nulla. Dopo aver visto le Vostre risposte ad altri utenti mi sono recato dal mio medico chiedendogli se potesse trattarsi del tumore glomico, ma lui l'ha escluso a priori, senza nemmeno guardarmi il dito. Mi ha comunque prescritto una visita dermatologica. Se il mio problema fosse quello un dermatologo può riscontrarlo? E' il caso che alla visita gli chieda io direttamente di verificare questo?
Ringrazio per l'attenzione e porgo Distinti Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

mi sembra strano che il tumore glomico sia stato escluso a priori: a me, nei giorni scorsi, è capitato di vedere una paziente con tumore glomico che aveva il dolore a un polpastrello da 20 anni (dico 20 anni !) senza che nessuno dei colleghi (svariati) che l'avevano visitata, avessero minimamente sospettato questa non frequente patologia.

In realtà, devo precisare che non è facile fare la diagnosi clinica (sono in pochi a conoscere l'esistenza di questo piccolo tumoretto così doloroso): dovrebbe fare un'ecografia con sonda ad altissima frequenza oppure una risonanza magnetica.

Dai sintomi che riferisce, però, è piuttosto probabile che si tratti di un tumore glomico.

Si tratta di una patologia di pertinenza del chirurgo della mano, non certo del dermatologo.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La presenza dei disturbi che riferisce deve far pensare per prima cosa al tumore glomico, e non è certo possibile escluderlo a priori. La patologia, benché di competenza degli annessi cutanei e quindi del dermatologo, viene comunemente trattata dai chirurghi della mano. Può rivolgersi ad esempio, fra i vari Centri, alla UO di Chirurgia della Mano del CTO di Torino o a quella del M.Vittoria, o all'UO di Ortopedia di Moncalieri.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Nonostante la testardaggine del mio medico nel rifiutare a priori la diagnosi, nonostante gli avessi portato la stampa delle Vostre risposte, ho trovato un dermatologo con una buona esperienza in diversi campi, il quale, dopo avermi mostrato alcuni libri in cui c'erano foto di dita con tumore glomico che sembravano fatte sul mio dito, mi ha indirizzato ad un chirurgo con pratica sulla patologia in questione. Risultato: asportazione del tumore, con metà dell'unghia perchè si trovava sotto la matrice ungueale. Operazione in anestesia locale, dolore sopportabilissimo solo la sera stessa appena passato l'effetto dell'anestesia. Il "problema" maggiore è stato dover fare attenzione a non bagnare il dito per circa 15 giorni. Ora ho solo il dito leggermente più sensibile a causa della mancanza di copertura dell'unghia e sto aspettando con pazienza la ricrescita. Il dolore lancinante che provavo prima è totalmente dimenticato!
[#4] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Sono contento che abbia risolto il problema. L'unghia ricrescerà nel giro di 3-4 mesi e così sparirà anche il fastidio della ipersensibilità.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Ha chiesto al suo chirurgo se, oltre alla metà di unghia asportata ha anche rimosso la corrispondente metà di matrice ?
[#6] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Questo non l'ho chiesto, ma il chirurgo mi ha detto che l'unghia sarebbe ricresciuta, quindi suppongo che l'abbia rimessa al suo posto. Per il momento, comunque, dopo quasi 2 mesi dall'intervento (11 gennaio), dell'unghia nuova non si vede ancora traccia...
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Questo è un pò strano...

Si assicuri che la matrice sia stata lasciata integra in toto.

Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno, ho sentito telefonicamente il chirurgo, il quale mi ha detto che è normale che l'unghia impieghi più mesi per ricrescere. Mi ha assicurato che una volta che la vedrò spuntare la crescita sarà poi più veloce. A questo punto attendo. Se avesse rimosso anche la matrice il risultato quale sarebbe? Non ricrescerebbe più l'unghia o ci metterebbe solo più tempo? (non ho idea se la matrice si possa ricreare)
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Se l'ha assicurata che l'unghia ricrescerà, vuol dire che tutta la matrice è stata salvaguardata.

Bisogna solo aspettare.

Cordiali saluti.
[#10] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio di tutto cuore... finalmente dopo anni e anni sono riuscito a scoprire grazie al Vostro servizio quale fosse il mio problema. Ora finalmente posso giocare con la mia bimba senza paura che mi stenda colpendomi inavvertitamente il dito!
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Siamo contenti per questo !

Cordiali saluti.
[#12] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Scrivo un'ultimo appunto per gli utenti che eventualmente leggeranno questa pagina, ricercando soluzione al mio stesso problema.
Riepilogo dopo un anno esatto dall'operazione:
- operazione quasi indolore (dolore sopportabilissimo solo la sera dell'intervento)
- formazione dell'unghia molto lenta, forse perchè nel mio caso era stata anche spostata la matrice per lavorare sotto. In ogni caso ci ha messo quasi tutto l'anno per non mostrare più nessuna minima traccia dell'operazione. I primi tempi non si riesce a capire bene dove ci sia unghia e dove no, e si ha la sensazione che non stia ricrescendo nulla, ma da quando si riesce a intuire la ricrescita è veloce.
Quindi ringrazio ancora una volta lo staff di Medicitalia per avermi aiutato a risolvere un problema che durava da anni (ben 14) e consiglio questo intervento a chiunque abbia il mio problema!
[#13] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la ringrazio a nome mio e dei miei Colleghi per le sue gradite parole.

Aggiungo solo che nei casi di tumore glomico l'intervento è sempre necessario, non esistendo alternative terapeutiche.

La via di accesso e il tipo diverso di approccio, dipandono in parte dalle preferenze del singolo chirurgo, ma soprattutto dalla sede e dalle dimensioni del tumore glomico, che può essere sub-ungueale, para-ungueale o indovato nello spessore del polpastrello.

Buon pomeriggio.