Utente 183XXX
Salve,
Ho 24 anni e da ormai 4 mesi soffro di dolore e fastidio ai testicoli e nella zona del basso addome, inoltre ho un senso di pesantezza e stanchezza che mi fa passare la voglia di fare qualsiasi cosa.
I dolori veri e propri li avverto quando cammino per molto tempo o quando sono seduto su sedie o poltrone scomode.
La palpazione non mi provoca dolore.
Prima ero una persona puntualissima e davo puntualmente esami all'Università, ora sono sempre in ritardo agli appuntamenti e non sto più studiando. Questo ha portato anche il mio morale verso una ripida discesa...

Il mio medico di base mi dice di sottopormi ad un'ecografia.
Ad agosto, in seguito ad un ecocolordoppler mi è stato diagnosticato varicocele sx di 1/2 grado e una cisti all'epididimo di ~4 mm.
A settembre ho eseguito uno spermiogramma e non sono stati trovati problemi di fertilità, quindi mi è stato consigliato di non operarmi.
Ad ottobre, avendo ancora dolori e fastidi, mi sono rivolto ad un Urologo che dopo avermi visitato mi dice che non ritiene necessario un intervento chirurgico e mi dice di indossare pantaloni più morbidi e slip piuttosto che boxer elasticizzati.
Dopo tre settimane di questa "terapia" mi rivolgo nuovamente al mio medico di base che mi fa prendere antibiotici per 5 giorni, ma comunque senza risultati, quindi mi sono sottoposto ad un'ulteriore ecografia, stavolta mi sono state fatte alcune domande e mi è stato diagnosticato un principio di prostatite anche se la prostata è di volume regolare.
Ma io non sono tanto convinto.

Tutti i medici a cui mi sono rivolto mi hanno detto che non era il caso di operarmi e che non era detto che avrei risolto il problema con un'operazione.

Tornato a casa, mi sono ricordato di una cosa che credevo sconnessa (essendo il dolore partito dai testicoli), a luglio avevo notato un notevole rigonfiamento al pube che non portava dolore e che è sparito all'insorgere del dolore, mentre all'inizio di Agosto, in vacanza, con giornate in cui non si smetteva di camminare e in quasi totale assenza di riposo, mi sentì particolarmente male e il dolore si irradiava dai testicoli fino al petto e fino al collo, e sentivo cuore e vene pulsare. Il malessere si è calmato in un paio di giorni, non ho consultato medici essendo all'estero e non volendo causare problemi ai miei amici, ai quali nascondevo tutto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

le visite andrologiche avute sembrano poter escludere patologie genitali.
Il gonfiore del pube credo sia più una "impressione" che non una realtà . Il pube non si può gonfiare
Stia tranquillo, non cerchi diagnosi telematiche ed appena a casa , magari si faccia vedere da un andrologo
cari saluti