Utente 183XXX
Gentile Dottori,
premetto che mi trovo spesso per lavoro nelle zone del centro-sud America e di frequente intrattengo rapporti sessuali occasionali con ragazze autoctone.

Utilizzo sempre il preservativo anche per rapporti orogenitali.

Leggendo vari siti (attendibili e con risposte scritte da medici) trovo affermazioni discordanti,mi si genera della confusione e vorrei chiedervi alcuni chiarimenti per tutelarmi al massimo per rischi di contagio di MST (e non):

1) La masturbazione reciproca (a mani nude) e' un comportamento a rischio?

2) C'e' differenza fra toccare i gentali esterni femminili ed inserire un dito in vagina?

3) Durante il rapporto con preservativo capita spesso che una piccola parte dell'asta del pene non coperta dal preservativo, o lo scroto vengano a contatto con i genitali della donna o con i suoi fluidi copori.E' rischiso?

4)Infine mi e' capitato di ricevere un rapporto orale (sempre con preservativo) molto profondo dove la partner "ingoiava" il pene per intero e cio' le causava lacrimazione e stimoli di vomito con emissione di abbondante muco dalla bocca.Che rischio c'e' con questa pratica.

E' chiaro che la preccupazione maggiore si riferisce alle malatie piu' severe e con decorso conico,per esempio, sono a conoscienza che un semplice abraccio potrebbe trasmettermi qualche parassatita tipo la scabbia....ma sono sereno che in Italia c'e' una cura rapida ed efficace...

Magari dopo ogni viaggio (dura 5/7 gg. e avviene ogni 2/3 mesi) sarebbe preferibile che mi sottoponessi ad qualche visita o esame?

Scusatemi se vi ho annoiato, Vi ringrazio molto ed auguro buon lavoro!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
non ci ha annoiato: siamo qui per risposndere ai nostri utenti.

Il rapporto orale di qualsiasi genere espone alle malattie sessualmente trasmissibili : in primis condilomatosi, sifilide, gonorrea, herpes genitalis

Il preservativo è fondamentale ma non copre da contatti pelle pelle e pelle mucose femminili e pertanto espone al rischio di condilomatosi (HPV) e altre forme cliniche di HPV, sifilide, LINFOGRANULOMA VENEREO (questo molto diffuso in america latina), herpes genitalis, molluschi contagiosi (POX virus)

Utilissima la visita Venereologica (specialista delle malattie sessualmente trasmissibili) in caso di dubbi

cari saluti
[#2] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta Dr.Laino, dalle Sue parole desumo che il rischio fondamentalmente e' per le malattie che ha elencato.Le quali hanno tutte un decorso non troppo rischioso per l'uomo,curate in tempo.
Le chiedo quindi 2 cose:
-cercando di utilizzare "al meglio" il preservativo e monitorando eventuali fastidi,dolori,ulecerazioni,eruzioni nell'area genitale posso strare tranquillo? E recarmi ad una eventuale visita solo in preseza di sintomi?
-Che malattie posso contrarre con rapporti orali (fellatio) protetti con preservaito venendo a contato con muco/saliva che possono bagnare le zone non protette dal preservativo?

Grazie ancora e cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
le malattie potenzialmente contraibili con un fellatio sono quelle che ha elencato il dr. Laino, anche se, per fortuna, non è così immediato e frequente tale contagio. Sicuramente sarebbe buona norma praticare tale gesto sessuale con l'ausilio del profilattico. Sulle zone non coperte da tale oggetto, invece, è possibile infettarsi con altre patologie virali, come il mollusco contagioso, HPV, ecc.
Il contatto fra cute non protetta e fluidi organici di partners potenzialmente a rischio, in caso di microlesioni cutanee (praticamente invisibili, può essere foriero di contagio. Ma sicuramente, già l'uso costante e nel dovuto modo del profilattico può ridurre in maniera enorme il rischio di contrarre una delle tante Malattie sessualmente trasmissibili.

saluti

Mocci