Utente 183XXX
Salve, ho 50 anni, e mi è stato riscontrato, presso l'istituto Europeo di Oncologia di Milano,tramite ecografia effettuata il 3/8/2010 e agoaspirato effettuato il 5/11/2010 un nodulo ipoecogenodella parotide dx con dimensioni di 1 cm. Reperto: materiale rappresentato da rare cellule epiteliali acinari in microaggregati, alcuni granulociti, linfociti, scarsisime zolle di materiale amorfo metacromatico e numerose cellule epiteliali duttili, di piccola taglia, perlopiù in voluminosi lembi pluristratificati, con frequente aumento del rapporto nucleo/citoplasmatico ed occasionali irregolarità dl controrno nuclerare e nella distribuzione della cromatina. REFERTO CITOLOGICO DUBBIO, VEROSIMILMENTE BENIGNO, SUGGESTIVO DI ADENOMA MONOMORFO. Mi è stato consigliato di subire un intervento di parotidectomia sovraneurale destra con risparmio del nervo facciale. COSA DEVO FARE? non ci sono cure alternatie all'interbvento? e' indispensable farlo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
Le conformo quanto suggeritole "...di subire un intervento di parotidectomia sovraneurale destra con risparmio del nervo facciale...".
Non esistono cure alternative, ed è opportuno farlo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio dr. Miotti,
vorrei chiedere se detto intervento è necessario farlo al più presto oppure si può aspettare. Inoltre ho letto che sarebbe oppurtuno seguire una dieta prima dell'intervento, evitando cibi che provocano acidità. C'è una dieta da seguire? Può consigliarmi quale sia, a Milano, l'Ospededale più qualificato per tale intervento? Confesso che ho molta paura dei rischi postintervento.
La ringrazio ancora per la sua gentilezza
[#3] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
se non Le hanno già segnalato l'urgenza di intervenire, significa che non è urgente. Non è il caso, comunque, attendere che la neoformazione si estenda.
Per quanto riguarda diete pre-operatorie, Le verranno eventualmente suggerite dall'anestesista.
Per quanto riguarda Milano, tutte le strutture ospedaliere dispongono delle competenze per un intervento di questo tipo. Le suggerisco di chiedere informazioni al Suo Medico di Medicina Generale.
Cordiali saluti