Utente 183XXX
Buongiorno,
ho 22 anni e sono stata operata di appendicite nel 2000, dopo due anni ho iniziato a sentire leggeri fastidi in quella zona quindi sono andata a fare una ecografia. Dall'ecografia sono risultate delle aderenze quindi nel 2002 sono stata ri-operata nello stesso punto con l' intervento tradizionale come per la prima volta. Sono ormai tre settimane che sento gli stessi identici fastidi ma più dolorosi e, non so se possa centrare qualcosa, ma i dolori diventano più forti durante i rapporti con il mio fidanzato. Ho appena subito un' asportazione di una cisti di bartolino all' inguine e in quell'occasione ho chiesto al chirurgo se poteva trattarsi di nuovo di aderenze. Nel caso dovessero essere di nuovo aderenze l' intervento è indispensabile?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
L' indicazione a terapia chirurgica per sindrome aderenziale è codificata e condivisa solo in presenza di occlusione intestinale. In altre situazioni, come la sua, è improbabile che un' eventuale reintervento sia efficace sui sintomi che riferisce ed è invece probabile si formino ulteriori aderenze. Non c'è alcun rapporto con la ghiadola di Bartolini.Auguri!