Utente 157XXX
Ho 46 anni. Non bevo e non fumo. A inizio Ottobre 2010 prendo la febbre a 39. La curo con l'aspirina. Dopo un paio di giorni la febbre sembra essere scomparsa. Al suo posto però, dopo 3 o 4 giorni, compare una fastidiosissima sensazione di febbre, di influenza, di spossatezza, con dolore ai muscoli di tutto il corpo, specialmente in prossimità delle articolazioni, e con mal di testa. Leggeri dolori anche alla gola e a volte ai testicoli. E un forte mal di schiena alla zona lombare, che, sembra, distribuisca il dolore perfino agli arti inferiori. A parte il mal di schiena, conclamato come dolore a se stante, tutti i sintomi lascerebbero pensare che mi stia venendo la febbre. Ma la febbre non c'è. La temperatura corporea varia da 36.8 a 37º. Vado avanti così per circa un mese pensando che molto probabilmente si tratta di banali disturbi influenzali di stagione che andranno via con una buona spremuta d'arancia. Ma i disturbi invece si acuiscono giorno dopo giorno. Dopo circa 30 giorni, a inizio Novembre, viene la vera febbre, che curo con Tachipirina in circa 4 giorni. Bene, pensavo, era una febbre mal curata che adesso è venuta fuori e che ho debellato definitivamente. Invece no, di nuovo, una settimana dopo la guarigione, i sintomi dell'influenza ricompaiono, come descritto sopra, con spossatezza, dolori muscolari, mal di testa… e senza febbre. Aggiungo anche una sensazione mani calde e di fluido velenoso che scorre nelle arterie, specialmente nella zona interna delle braccia, in prossimità dei polsi. La notte anche se vado a letto alle 23, spesso mi addormento alle 4. In definitiva, non riesco a condurre una vita normale.

1) A gennaio 2010 ho avuto il "colpo della strega", alla zona lombare. Mi hanno curato con delle iniezioni a base di cortisone.
2) A Novembre ho consultato un fisioterapista che mi ha diagnosticato una lombo-sciatalgia.
3) Lavoro al computer anche 12 ore al giorno, da seduto, e forse questa è la causa.
4) A Novembre, prima della seconda vera febbre, ho curato una colite, con degli antibiotici.
5) In merito alla febbricola, il mio medico di famiglia mi ha prescritto delle analisi. Riporto.

Alcuni valori. Gli altri sono nella norma.
Transaminasi GPT: 75 (norma: 9-46)
Transaminasi GOT: 35 (norma: 9-46)
Leucociti WBC: 10.46 - 10^3/uL (norma: 4-11)
Neutrofili: 74 (norma: 40-74)
Linfociti: 16.80 (norma: 20-48)
Sideremia: 66 (norma 65-175)

I seguenti test sono risultati tutti negativi:
Salmonella Tifo antigene H
Salmonella Tifo antigene O
Paratifo A antigene O
Paratifo A antigene H
Brucella
Paratifo B antigene O
Paratifo B antigene H
Proteus OX 19
Proteus OX k
Proteus OX 2
HAV-IgM
Monotest
HBsAg (determinazione MEIA)
HCV Ricerca anticorpi
HAV IgG
Anti-HBs
Cytomegalovirus anticorpi IgM (ELFA)

Cosa può essere?
[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
dalle analisi da lei descritte, non si evince nulla di particolarmente importante. Deduco che sia la VES che la PCR ( proteina c reattiva), siano nella norma. Non ha descritto intolleranze alimentari o diturbi intestinali specifici e ricorrenti ( a parte l'episodio da lei descritto). Così, penso che lei abbia fatto anche il QPE ( quadro proteico elettroforetico), immunoglobuline e complemento, esami per la tiroide ecc ecc. Escludendo patologie infettive ed autoimmuni ( magari completerà le indagini al riguardo), cerchiamo di escludere un problema legato alla carenza di sonno ( qualitativo e quantitativo)e all'eccessivo contatto con lo schermo del pc.L'organismo, posto sotto stress, può rispondere, talvolta, in modo particolare e la qualità del sonno, il mantenimento dei ritmi circadiani, sono fondamentali per un corretto equilibrio e per l'omeostasi dell'intero organismo.
Le invio cordiali saluti.