Utente 435XXX
Gentili dottori, sono trascorsi 14 mesi da quando io (33 anni) con mia moglie (29 anni) stiamo tentando di avere un figlio, ma finora nulla.
Questi sono i valori dello spermiogramma eseguito lo scorso 31 agosto:
ANALISI DEL LIQUIDO SEMINALE
ph: 7,3
volume: 5,6 ml
fruttosio: 15,8 mg/eiac.
acido citrico: 29,6 mg/eiac.
colore: grigio opalescente
fluidificazione: incompleta
filanza: 2cm
consistenza: aumentata
agglutinazioni, pseudoagglutinazioni, emazie, leucociti, cristalli: assenti
cellule epiteliali: discreto numero
cellule di spermatogenesi: rare
numero di spermatozoi: 2,3x10^6/ml
numero di spermatozoi/eiaculato: 13x10^6/eiac
test di vitalità (% di spermatozoi vitali): 70%

CLASSI DI MOTILITA'
Motilità progressiva rapida (classe a) : 0
MOtilità progressiva lenta (classe b) : 17%
Motilità non progressiva (classe c) : 13%
Immobili (classe d) : 70%

MORFOLOGIA
Spermatozoi normali: 30%
Spermatozoi anormali: 70%
Anomalie della testa:50%
Anomalie della coda:10%
Anomalie del collo e tratto intermedio: 7%
Residui citoplasmatici: 3%.

Il referto non reca alcun giudizio finale, però sulla base dei valori di riferimento a fianco di ciascuna voce riportati, sono molto preoccupato, sia per lo scarso numero di spermatozoi, sia per la scarsa motilità.
Posto che la visita dalla ginecologa che ha disposto l'esame sarà "solo" tra 15 giorni - la quale disporrà presumibilmente una visita dall'andrologo, volevo sapere se questi valori sono "irreversibili" o se c'è modo di ottenerne di migliori...
Poi mi chiedevo se possono incidere sul risultato in argomento fattori esterni quali:
- periodo di astinenza prima della raccolta : 7 giorni
- stress dovuto ad un periodo di vacanza non proprio rilassante.
In attesa di un vostro parere, spero non drasticamente negativo, porgo i miei saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente,
come ha notato lei ha dei valori diminuti sia per quanto rigurada il numero che le forme normali, cmq prima di dare un giudizio occorre ripetere l'esame in quanto essendo l'esame molto facilmente influenzabile sarebbe scorretta. in oltre l'astinenza dovrebbe essere min 3 max 5 giorni.
in oltre le consiglio di sottoporsi ad una visita andrologica
cordiali saluti
Dott. Giuseppe Quarto
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,certamente i parametri dello spermiogramma sono deficitari sia dal punto di vista quantitativo (numero di spermatozoi) che qualitativo (motilità e morfologia).Ritengo,comunque,che non sia stato analizzato da un centro specialistico in quanto,a mio parere,é molto difficile e statisticamente assai poco significativo,evidenziare una percentuale di spermatozoi mobili e la loro conformazione con un numero così esiguo di nemaspermi.I fattori esterni da Lei citati non influiscono sui dati del Suo spermiogramma,perlomeno in maniera significativa.
Sulla reversibilità del quadro aspetterei il giudizio dell'andrologo che La visiterà (Bologna é ben fornita) dopo aver formulato una accorta diagnosi.
Cordiali saluti ed auguri
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
a questo punto il programma l'ha definito lei e cioè il passo successivo è la valutazione di un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana. Detto questo, le ricordo che una oligoastenozoospermia non è una malattia ma è un sintomo , un dato clinico che può avere alla sua origine diverse "malattie". Ci faccia sapere.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#4] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2007
Nel ringraziare tutti Voi per le velocissime risposte, non mi resta altro da fare che rivolgermi ad un andrologo.
Non conoscendone alcuno, mi farò consigliare dalla ginecologa di mia moglie, la quale mi ha indicato il policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna quale centro ove effettuare lo spermiogramma.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Credo sia su Bologna un'ottima soluzione.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
concordo
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ci tenga comunque informati, se lo desidera, dell'"evoluzione della sua esperienza" a Bologna.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#8] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Premesso che non è necessario attendere il via libera del ginecologo per eseguire una visita urologica o andrologica, le dico che lo spermiocitogramma da lei presentato non è di buona qualità sia per la problematica del numero ma soprattutto per quella della motilità. Trattasi dunque di una situazione da inquadrare bene e da seguire. Sia ben chiaro che non è che è impossibile avere figli ma le possibilità sono comunque ridotte rispetto a valori normali.
Il primo passo è farsi visitare per valutare l'eventuale presenza di patologie come per esempio il varicocele ce possono severamente influenzare lo spermiocitogramma (lo stress è importante ma non decisivo). Lo spermiogramma stesso va peraltro ripetuto per poterne validare i risultati.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#9] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2007
Buonasera, ringrazio ancora tutti i medici che hanno espresso la loro valutazione del risultato dello spermiogramma.
Sono convinto di rivolgermi ad un andrologo ma, non conoscendo nessuno a Bologna e dintorni (sono qui per lavoro da qualche anno e non ho mai avuto bisogno di una visita specialistica), mi affiderò, in occasione dell'imminente visita per mia moglie, al consiglio della ginecologa, la quale lavora presso un importante centro che si occupa di patologia della riproduzione umana (SISMER).
So che occorre del tempo, ma spero tanto si individui sia la causa che la soluzione del problema.
Cordiali saluti
[#10] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Ottima scelta !
[#11] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

al centro SISMER troverà , come andrologo, il dottor Giorgio cavallini che la potrà seguire ed aiutare sul fattore andrologico
cari saluti
[#12] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2007
buonasera a tutti!
Ritorno a scrivere in questo forum nella speranza di avere il seguente chiarimento. A seguito di esame del sangue mirato, sono venuti fuori i seguenti valori:
ESITO VAL.RIFERIMENTO
- LUTEOTROPINA (LH) 3,9 1,5 - 13,0
- PROLATTINA (PRL) 14,5 2,0 - 15,0
- TIREOTROPINA (TSH) 1,54 0,3 - 5,0
- FOLLITROPINA (FSH) 5,4 2,0 - 13,5
- MICRODELEZIONE Y (Y84 AZFa; Y86 AZFa; Y27 AZFb; Y137 AZFb; Y254 AZFc; Y255 AZFc) NEGATIVO
- ANALISI CROMOSOMICA (tecniche di bendaggio GTG) nr. cellule contate 16; numero cellule cariotipizzate 4)
CONCLUSIONE: CARIOTIPO MASCHILE NORMALE

Ora, alla luce di questi dati e valori, non ho ben capito perchè l'andrologo, dopo la visita (a seguito della quale ha escluso varicocele e traumi), e la lettura dei due spermiogrammi esibiti (nel frattempo ne avevo fatto un altro a novembre con risultati peggiori del primo che ho già postato) mi ha detto che il problema è di natura congenita?
O meglio, la natura congenita del problema si evince dall'esame del sangue? Forse non è "buono"?
Poi mi ha prescritto di seguire una terapia per 3 mesi a base di carnitene, nicetile e feldene, nel tentativo di migliorare la qualità dello sperma..mi ha già anticipato che non sempre questo succede, però vista l'età anche di mia moglie, si prova intanto così.
Grazie per l'attenzione
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
avrà forse compreso male la spiegazione del problema. Molto probabilmente , non essendoci alterazioni citogenetiche, l'andrologo ha concluso, non per un problema genetico, ma per una patologia "primitiva", forse "congenita", del testicolo. Patologie difficili da diagnosticare se non arrivando ad utilizzare indagini di tipo invasivo, come ad esempio una biopsia testicolare, poco utili poi per impostare una diversa terapia mirata.
Comunque riconsulti con "pazienza" il suo andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it



[#14] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori ed utenti
che avete avuto la pazienza di leggere questo thread,
con grande gioia vi comunico che finalmente mia moglie è rimasta incinta! Non so se il merito è da attribuirsi ai farmaci oppure no, ma quello che conta è il risultato.
Grazie per l'attenzione che mi avete dedicato e buon lavoro
Per gli utenti che hanno letto questo thread, evidentemente perchè con problemi simili al mio, posso solo incoraggiarli a crederci sempre e ad avere fiducia

[#15] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...felicitazioni sincere!
[#16] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Anche da parte mia tanti auguri e sincere felicitazioni!

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org