Utente 163XXX
Salve, ho letto che era meglio inserire il mio problema nella sezione Chrirurgia generale.
Ieri ho bevuto una birra e un cocktail e sono andato a dormire intorno alle 3, e stavo bene. Stamattina mi sono svegliato per fare colazione e stavo ancora bene. Dopo la colazione sono andato in bagno per defecare. Non ho dovuto fare grandi sforzi. Comunque ho scoperto che insieme alle feci c'era attorno anche molto sangue. E questo non mi era mai successo. In fase di pulizia anche la carta la prima e seconda volta era zuppa di sangue scuro (non quel sangue rosso chiaro che deriva da graffi all'ano). Probabilmente quel sangue era fuoriuscito insieme alle feci, in quanto una volta pulitomi, non ce n'era più traccia.
Finita la pulizia, sono ritornato alle mie normali attività, ma ora mi sento molto debole e in uno stato un pò di confusione. Sarà per via del sangue perso o comunque dall'agitazione per aver visto tutto quel sangue?
Sento anche un pò di subbuglio nello stomaco, ogni tanto un dolore al fianco sinistro e la testa pesante.
Mi chiedo come è possibile, che prima di defecare stavo bene e ora sto così???
Anche se in fin dei conti non avevo davvero bevuto molto alcool, ma non avendo bevuto acqua da ieri, ho pensato potesse essere stata la mancanza di acqua, così mi sono messo a bere molta acqua. Ma comunque non mi sento bene. Ora andrò a coricarmi a letto, sperando che magari tutto passi con una (speriamo) buona dormita.
Spero mi possiate dare dei consigli.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' più probabile che il suo malessere derivi dall'agitazione perchè anche piccole quantità di sangue vengono spesso interpretate in "molto sangue". Ma questo non lo si può determinare tramite Internet. Occorre pertanto una visita per valutare se ci siano condizioni che hanno provocato la perdita (es. emorroidi interne...)