Utente 173XXX
Buon giorno a tutti.
A Luglio sono stato ricoverato per pericardite, anche se devo precisare che sono finito in ospedale più per un attacco d'ansia che per altro; lamentando un leggerissimo dolore al petto che onestamente non posso dire di essere sicuro di aver sentito. Nel corso del controllo, strumentalmente perfetto, mi hanno anche fatto l'esame del sangue da dove è uscito un leggero aumento della troponina. Da qui ricovero per pericardite. Io durante tutto il periodo in ospedale non ho sentito nulla e anche i valori massimi sono stati molto bassi (picco troponina 3,7 , ck 95).

IL SUCCO DEL DISCORSO è CHE HO FATTO UNA PERICARDITE MOLTO LEGGERA INSOMMA.

Ieri stavo curiosando in internet e ho letto in questo sito http://pericardite.angelfire.com/ che le pericarditi hanno possibilità di recidivare anche del 40%.
Sono rimasto un pò male se devo essere sincero. Anche perchè ho letto che c'è gente che se le porta dietro per 10 anni con un paio di attacchi l'anno.
L'idea non mi fa impazzire.

Volevo chiederle:

1- Anche pericarditi come la mia molto leggere hanno una così alta percentuale di recidiva?

2- Perchè i medici che mi hanno dimesso non mi hanno parlato di questa eventualità?

3- Dopo un mese dalla dimissione ho rifatto per prassi tutti i controlli e il cardiologo che mi ha fatto l'ECO mi ha detto:''se torni qui di sicuro non è per questo'', evidenziando che se non ho capito male era già tutto cicatrizzato o comunque apposto e che si vedeva solo l'ispessimento pericardico come da esiti di pericardite o come capita semplicemente nel cuore di uno sportivo.
QUESTO PUò ABBASSARE LE MIE PROBABILITà DI RECIDIVARE?

4- So che sto viaggiando di fantasia, ma ho letto anche che nei casi più gravi si può parlare di asportazione chirurgica del pericardio, ma dato che nessuno è mai morto, o comunque è difficilissimo, di pericardite, vorrei sapere cosa ne pensa lei in merito. Cioè alla fine penso sia sempre un intervento delicato.


Grazie di tutto e in anticipo per le risposte.

P.S.:non so se possa servire ma aggiungo che mia mamma l'ha fatta più grave della mia senza ricoverarsi (lei aveva dolori anche; comunque non è andata dal medico credendo che fossero dolori intercostali), (se ne sono accorti dopo 6 mesi in un occsionale ECO). L'ha fatta ormai due anni fa e non ha più riportato sintomi. Insomma non le si è più presentata pericardite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le pericarditi virali sono frequentissime in corso di banali malattie virali. Sono transitorie ed a carattere di benignita' nella stragande maggioranza dei casi. Per tranquillizzarsi esegua un ECO dopo 3 mesi e poi dopo 6 mesi. Ma le pericarditi tendono a guarire perfettamente in modo spontaneo. Buona giornata
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
Ma pardon, quindi non è vero che le pericarditi hanno possibilità di recidivare anche del 40%?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
si e' vero, se non correttamente trattate. Ma ben il 60% ed oltre guariscono per conto proprio. Cordialmente
cecchini
[#4] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
ah ok grazie mielle.
Faccio solo un'ultima domanda promesso.
Vorrei solo sapere nel caso di una recidiva bene o male con che frequenza questa si manifesti. Cioè ogni quanto si rifà viva la pericardite.
Chiedo a lei perchè in merito vedo pareri molto discordanti.
Io comunque l ho fatta ormai più di 5 mesi fa e non ho assolutamente sentito più nulla. Posso stare tranquillo?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
si, puo' stare tranquillo, ovviamente in sensio relativo, perche' tra una persona che non abbia mai avuto pericardite ed una persona che abbia' gia' avuto una pericardite ovviamente e' piu' facile che compaia una pericardite nel secondo.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#6] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la risposta
[#7] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
p.s. so che avevo detto che era l'ultima domanda ma già che ci sono mi era rimasto un dubbio.

Come si fa a distinguere una recidivante da una nuova pericardite diversa dalla precedente (in un paziente che ne abbia già avuta almeno una)?

Prometto solennemente che questa è la mia ultima replica.

Grazie mille.
[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
recidivante significa che recidiva, che si presenta nuovamente. Con le stesse caratteristiche. Buona serata.
[#9] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
grazie infinite per il tempo dedicatomi.