Utente 184XXX
Salve.

ho 28 anni e circa 5 mesi fa mi si è rotto un dente, non è stato ritenuto necessario dal dentista l'estrazione completa in un primo momento e dopo un po' di mesi ho cominciato ad avere dei problemi alle gengive, indebolimento generale, spellamento delle stesse e fiacche dolorose al tatto. dopo una prima lastra ci siamo accorti che c'era un infezione e così mi sono fatto un primo ciclo di antibiotici e abbiamo estratto il dente in questione.
dopo poco tempo sono tornati gli stessi problemi e ho eseguito un secondo ciclo di antibiotici.
il risultato è durato una settimana dopodichè il problema è tornato.

un dentista diverso questa volta ha constatato che l'infezione in bocca non c'è più e ha ipotizzato che il problema non dipendesse assolutamente dal dente rotto, ma ad un generale abbassamento delle difese immunitarie, prescrivendomi un colluttorio e delle vitamine.
ora, il problema non è passato in più da una settimana ho una febbre costante che oscilla fra i 37 e i 37.4, tosse e catarro e una generale stanchezza.

premetto che ho sofferto d'ansia per un periodo di tempo di circa un paio di mesi e faccio un lavoro molto intenso (cosa che ovviamente non posso più fare in queste condizioni), sono un donatore di sangue e non ho avuto rapporti non protetti negli ultimi 4 anni...

la ringrazio di cuore per l'attenzione.
Fab.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non c'entrano le difese generali, normalmente si tratta proprio di un problema locale che può creare disturbi generali.
Ci possono essere anche delle infezioni virali a causare febbricola e stanchezza. Al massimo conviene assumere un antinfiammatorio.
Cordiali saluti