Utente 163XXX
Salve, sono un ragazzo di 33 anni, da maggio di quest'anno ho iniziato ad avere dei problemi intestinali, come gonfiore addominale, aria bloccata nella pancia, stitichezza ed urgenza sempre ad urinare, feci non molto composte,subito i controlli
di routine dati dal medico curante, esame feci completo, urine,esami del sangue, tutto nella norma,
Il mio problema e' quindi stato classificato come sindrome da colon irritabile,
da allora i sintomi sono molto altalenanti, e per fortuna mi e' passato lo stimolo di andare ad urinare molto spesso.
A luglio di quest'anno trovo nelle feci un pezzetto di verme bianco nastriforme,
da quello che ho capito potevo aver avuto la sfortuna di incontrare la tenia,
la terapia del mio medico e' stato lo yomesan piu' purga, la sera espulsione totale della tenia,ho rifatto ancora 4 esami completi delle feci e sempre negativi, da quel giorno le cose sono migliorate, ma il gonfiore a bassoventre e la modificazione dell'alvo e' rimasta,
Mi reco quindi il mese scorso da un gastroenterologo il quale mi da da fare esami del sangue piu' approfonditi e il valore allergologico s-ECP e' a 58 mentre deve essere massimo 16.
Mi prescrive quindi gastrofrenal da prendere prima di pranzo e prima della cena, ma le cose ad oggi non sono migliorate per niente.
Chiedo gentilmente queste domande.
1 l' s-ecp che dovrebbe essere eosinofilia alta come faccio a sapere se e' nell'intestino oppure una coincidenza, cioe' se ho qualche altra allergia?
2 posso avere dei parassati o altro nell'intestino che sono ancora presenti che pero' non sono visibili dall'esame delle feci?
Non riesco piu' a venirne a capo da questo mio fastidioso problema
Vi chiedo gentilmente di darmi dei consigli

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
L'ECP è aspecifico e corrisponde ad un valore che può riferirsi a qualsisi organo.
Certamente può rimanere alterato l'intestino anche a distanza di tempo. Credo che nel dubbio convenga fare la colonscopia per vedere veramente cosa c'è nel colon.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore, molto gentile per la sua risposta,
Volevo ancora domandarle questo, per fare la colonscopia
devo attendere fino a febbraio, ho fatto che prenotarla,
mentre nel frattempo ho contattato un proctologo che
in questa settimana mi puo' visitare ed effettuare subito
la rettoscopia, lei pensa che possa essere utile?
Magari gia' dal retto puo' vedere qualcosa o ancor meglio tranquillizarmi..
Un'ultima domanda, il valore s-ecp ipotizzando che sia nell'intestino puo' essere alto a causa di colon irritabile da stress?
La ringrazio molto.
[#3] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Certamente già con la rettoscopia potrebbe vedere qualcosa. L'ECP viene liberata dagli eosinofili ma solo in situazioni di infiammazione e non da stress.
Cordiali saluti