Utente 184XXX
Spett.Dott.ri
Sono una donna di 40 anni normopeso con ciclo regolare. Ho sempre fatto uso abbondante di antibiotici (per patologie vie respiratorie),nonche' di contraccettivi orali da tempo sospesi. Soffro di candidosi ormai cronica che si ripresenta puntualmente dopo una settimana dalla fine di ogni ciclo mestruale. I ginecologi consultati sino ad ora mi hanno sempre curato con cicli semestrali di Diflucan e ovuli locali (meclon ecc. ecc.) ma con scarsi risultati anzi direi che la candida si ripresenta in maniera virulenta e facendo resistenza ai farmaci. Le mie domande:
1)Quali alternative terapeutiche posso utilizzare ?
2)Secondo il V/S parere la causa scatenante e' da ricercare nell'intestino ? e se cosi fosse, come mai mi ritrovo la problematica dopo ogni ciclo indipendentemente dal fatto che ci siano o meno problemi all'intestino? in pratica se per assurdo non mi comparisse il ciclo io non avrei nessun problema di candidosi quindi non riesco a comprendere quale che sia la causa scatenante e di conseguenza su quale "organo" del corpo umano interagire per contrastarla.
Vi chiedo pertanto un aiuto al fine di risolvere o quantomeno migliorare la mia situazione.
Un grazie anticipato
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un'altra Utente come già molte in passato ha posto di recente un quesito simile al suo
http://www.medicitalia.it/consulti/Medicine-non-convenzionali/185196/Sospetta-candida-sistemica
perchè si tratta di un problema piuttosto diffuso.
Nel suo caso l'eventuale presenza della candida in sede intestinale non determinerebbe necessariamente alterazioni dell'alvo o meteorismo (i problemi intestinali) ma sarebbe un serbatoio da dove la candida periodicamente si manifesta alimentando i disturbi; se lei per assurdo non avesse il ciclo...il problema invece potrebbe essere quasi costante.
Rinforzo del sistema immunitario, ripristino di una flora batterica equilibrata, corretta alimentazione, farmaci specifici per aggredire la candida ed altro ancora possono nell'insieme aiutarla a risolvere.
Rinnovo a lei il consiglio suggerito alle altre Utenti di rivolgersi ad un collega esperto in queste discipline.

Cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 184XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la sua cortese risposta