Utente 185XXX
salve, sono un ragazzo di 23 anni.
ho letto tutti i post relativi all'eiaculazione precoce su questo sito perchè CREDO di soffrirne anche io,in quanto spesso raggiungo l'orgasmo dopo poco non riuscendo a soddisfare la mia ragazza.
Inoltre(non so se la cosa può essere correlata)avverto dei forti cali di erezione usando il profilattico,di conseguenza evito di usarlo correndo rischi di incorrere in una sgradita gravidanza.
spero di essere stato quanto + possibile chiaro nello spiegare il mio problema,e spero in un vostro consiglio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile signore ,oggi l'eiaculazione precoce ha delle valide possibiltà terapeutiche le consiglio, quindi, di eseguire una valutazione andrologica per inquadrare correttamente i suoi problemi.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio per la sua celerissima risposta,quindi lei mi consiglia una visita specialistica?
distinti saluti
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Caro Ragazzo,
mi associo al Dr.De Siati nella risposta, rinforzandole la necessità di una valutazione andrologica.
L’aspetto diagnostico dell’eiaculazione precoce, è estremamente complesso,sia per quel che riguarda la riluttanza e riservatezza del paziente e della coppia nell’esporre le proprie difficoltà, che per quell’aspetto di soggettività che riguarda l’esperienza di precocità.
E’ indispensabile,ai fini diagnostici,investigare il tempo oggettivo dell’eiaculazione ,il tempo di latenza dell’eiaculazione intra-vaginale, IELT( due o tre spinte o,fuori dall’ambito vaginale),l’esperienza soggettiva della capacità di controllo,di soddisfazione del paziente e della partner e la variabile associata alla preoccupazione ed ansia ed alle dinamiche della relazione in cui si manifesta.
Per quanto riguarda le cause, in ambito sessuologico, si parla di multifattorialità ,vi sono diverse cause,a vari livelli(personali,di coppia,iatrogeni, da cattivo apprendimentosessuale,generali)che interagendo tra di loro,producono e mantengono il disturbo clinico.

L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psico-sessuologico,
psicoterapia, terapia di coppia ad orientamento sessuologico,
trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale),
farmaco on de mand( cioè al bisogno).
Ottimale sarebbe però un lavoro mirato e caleidoscopico, adatto alla sua storia clinica e sessuale
Cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Andrea Del Grasso
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Già i colleghi hanno risposto.
Come vede i modi per aiutarla ci sono, prenoti una visita Andrologica che servirà per inquadrare la situazione ed escludere le cause organiche (legate al corpo) poi inizierà una cura appropriata eventualmente con l'aiuto un buon Sessuologo se il problema è anche psicologico.
Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
ai consigli dei Colleghi le aggiungo anche questo articolo, per saperne di più sull'eiaculazione precoce

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/209-eiaculazione-precoce.html