Utente 817XXX
mi e' stata diagnosticata una ernia inguinale destra,con manovra in valsalva e ecotomografia...dove si rivela anche una minuscola a sinistra.premetto che ho 40 anni e sono stato operato di ernia inguinale a destra a 2 anni.l'ernia non mi e' uscita ,ma a giorni mi fa male specie se sto seduto(sempre)....con la cinta che preme.ernie siffatte possono essere operate e essere risolutive.'?? e' vero che se sono piccole l'operazione nn allevia il fastidio -dolore??
grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
se ho ben capito si tratterebbe di una recidiva di ernia diagnosticata mediante ecografia sulla scorta di un sintomo dolore.
Mi preoccuperei di ricevere una conferma dal vivo mediante visita chirurgica, dal momento che la presenza di ernie e l'eventuale dimensione vengono amplificate dalla diagnostica ecografica.
D'altra parte mi sembra che Lei abbia già ricevuto risposta al quesito in analoga richiesta di consulto: http://www.medicitalia.it/consulti/Chirurgia-generale/184381/Ernia-inguinale
[#2] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Come gia' ho avuto modo di dirle qualche giorno fa se e' stata posta l'indicazione all'intervento credo sia meglio percorrere questa strada: i cinti possono frenare momentaneamente la fuoriuscita dell'ernia, ma lei e' ancora giovane e non credo voglia immaginare tutto il resto della sua vita condizionato da questa patologia. Senza contare che, se poi un giorno decidesse di operarsi, l'aver indossato in precedenza il cinto rendera' il lavoro del Chirurgo certamente piu' laborioso, con incremento indiretto dei possibili disturbi anche per cio' che riguarda il post-operatorio.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 817XXX

Iscritto dal 2008
si ho posto quesito,prima e dopo ecotomografia...non porto cinto... e a giorni come oggi mi da fastidio.... che tipo di farmaco puo' essere utile?? ho preso arcoxia 90, ma mi pare nn sia stata molto utile.. e vero che la novalgina puo' essere meglio??? il chirurgo nn mi ha detto di recidiva..ma credo di si .... odio le anestesie locali e peggio le epidurali... posso scegliere volontariamente una anestesia totale???
grazie.
[#4] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Senza dubbio lei puo' parlare con l'Anestesista e fargli presente le sue preferenze, e sono certo che nei limiti del possibile il Collega cerchera' di accontentarla. E' chiaro pero' che la decisione finale spetta al Collega, per cui se lui non ritiene di poter adottare una certa procedura e' sicuro che non si lascera' convincere...
Per quanto riguarda i farmaci purtroppo sa bene che non possiamo fornire questo tipo di indicazioni via internet.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

associandomi a quanto detto dai colleghi, senza voler confonderle le idee, essendo questa una recidiva a destra ed una piccola ernia a sinistra potrebbe esserci spazio per un trattamento laparoscopico.

questa tecnica chirurgica è indicata proprio per le recidive e per le ernie bilaterali.

sembra essere sopportata meglio per una riduzione del dolore postoperatorio (nonostante vengano trattate contemporaneamente le ernie) rispetto all'approccio aperto, anche se può essere eseguita solo in anestesia generale, e comporterebbe un ricovero di 24 ore.

l'alternativa aperta potrebbe essere eseguita in anestesia locale e/o spinale e/o generale, in day hospital di solito con due trattamenti temporalmente differenti.

condivido inoltre l'opinione già espressa di "metter mano", affrontare il problema, è persona giovane e quindi bisognerebbe salvaguardare la qualità della vita.

cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 817XXX

Iscritto dal 2008
CARI DOTTORI, OGGI MI SONO RECATO PRESSO UN IMPORTANTE OSPEDALE ROMANO,E SONO STATO VISITATO A DISTANZA DI 30 MINUTI DA DUE PRIMARI..DIVERSI...DOVE HO PORTATO ANCHE LA DIAGNOSI SI ERNIA INQUINALE DESTRA TRAMITE ECOTOMOGRAFIA.
SIA IL PRIMO CHE IL SECONDO PUR RIVELANDO LA PRESENZA DI UNA ERNIA PICCOLA A DESTRA...MI HANNO DETTO:
1)I MIEI DOLORI NON SONO CAUSATI DALLA ERNIA,MA DA UN PROBLEMA POSTURALE(IL PRIMO)..E DA UNA EVENTUALE PUBALGIA E POSTURALE IL SECONDO....

2)PERDERE DI PESO ALMENO 15 KG( PESO 110)

SIA IL PRIMO CHE IL SECONDO MI HANNO DETTO CHE NON MI AVREBBERO OPERATO NEANCHE NELLA LORO CLINICA PRIVATA, SE LO AVESSI CHIESTO...PERCHE NN CE' NULLA DA OPERARE.E POI A QUESTI STADI LE ERNIE NON E' DETTO CHE (AMMESO CHE IL DOLORE SIA ADDEBITATO AD ESSE)OPERANDO SMETTANO DI FAR MALE..ANZI......

VI RIPORTO PARERI...TRA I PRIMARI PIU FAMOSI IN ITALIA PER PARETE ADDOMINALE..E TRAPIANTI DI ORGANI!!

MI HANNO DETTO PERDA 15 KG...E POI CI RISENTIAMO.
[#7] dopo  
Utente 817XXX

Iscritto dal 2008
EGREGI DOTT, MA NON PUO' ESSERE UNA SEMPLICE INFIAMMAZZIONE DEL COLON??? E PUO' ESSERE DIAGNOSTICATA CON PALPAZIONE??
GRAZIE.
[#8] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il parere dei Medici che hanno avuto la possibilita' di visitarla mi pare condivisibile. Per quanto rigurda la seconda domanda, cioe' se i suoi sintomi possono anche essere dovuti ad un'infiammazione del colon, direi che anche questa e' un'ipotesi valida.
Cordiali saluti