Utente 185XXX
Circa 2 anni fa per forti dolori che avvertivo a tutto l'arco dentale inferiore ho eseguito una panoramica dalla quale non risultava nulla; in ogni caso dopo pochissimo tempo il mio dentista ha notato la presenza di una ciste tra gli incisivi centrali della mandibola. Questa aveva provocato l'insorgenza di una notevole quantità di pus, la mobilità dei due incisivi centrali e un rigonfiamento della parte sottostante a questi denti. Per cercare di far riassorbire la ciste ho eseguito la devitalizzazione dei due incisivi centrali e un trattamento durato circa sei mesi; una volta che la ciste si era riassorbita mi sono stati richiusi i canali dei due denti devitalizzati, fino a quel momento non avevo avuto più problemi. Per un certo periodo tutto bene, ma nella primavera scorsa ho notato l'insorgenza di una nuova "pallina" tra l'incisivo laterale e il canino, nella parte sinistra della mandibola; in seguito si è formata in modo lento e costante una seconda "pallina" in posizione speculare alla prima, quindi sempre fra l'incisivo laterale e il canino ma in posizione destra, il tutto accompagnato da un rigonfiamento del tutto identico a quello della ciste di un anno prima, gonfiore che si estende dagli incisivi centrali e si allarga sino alle due palline. Da un po di tempo a questa parte avverto dei dolori sporadici che partono da queste palline e coinvolgono gli incisivi laterali e poi si estendono; tali dolori mi provocano anche delle fastidiose emicranie. Per tale motivo ho chiesto il parere di 3 dentisti e ho svolto una seconda panoramica che, come un anno prima, non ha evidenziato nulla. 3 dentisti su 3 mi hanno detto che non sembra esserci nulla, ma io dubito seriamente che sia così, anche perchè noto al tatto un evidente cambiamento della forma della mia mandibola dovuta al gonfiore. Le ipotesi sostenute sono o la calcificazione di due nervi mandibolari, o di due masse benigne, o di due linfonodi ingrossati; mi viene consigliato di aspettare eventuali e successivi risvolti. La cosa che più mi fa dubitare di queste ipotesi è il gonfiore identico alla prima ciste nonchè un leggero aumento della mobilità dei denti coinvolti. Io ho 22 anni. Chiedo pertanto il vostro parere e magari se è il caso di svolgere esami più precisi. Ringrazio per l'attenzione. Distinti saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marcello Fantini
28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Purtroppo si possono solo fare ipotesi. Potrebbe essere una cisti poco visibile radiograficamente (se così fosse ci vorrebbe una TC dental Scan), un ascesso periapicale con fistole vestibolari, un ascesso conseguente a problemi parodontali, una neoformazione benigna etc. Difficile credere che sia un linfonodo, non mi risulta che ce ne siano in quella posizione, a meno di anomalie anatomiche non escludibili a priori. Calcificazioni di nervi mandibolari non vuol dire nulla e non ha alcun senso. L' unica certezza è che non deve assolutamente aspettare: se c'è un problemb di certo non andrà via da solo. Sarebbe interessante sapere se in seguito al primo trattamento era sparita la mobilità dentaria, per poi ricomparire in seguito. Il consiglio che le posso dare è di sentire altri pareri da odontoiatri preparati.
Un saluto e ci tenga informati.
[#2] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
difficile contraddire 3 colleghi che l'hanno vistata, però è chiaro che se vi è un rigonfiamento come lei ha riferito un problema ci dev'essere per cui un ulteriore valutazione la farei come già consigliato.
la causa , più ovvia, potrebbe essere il riaccendersi del processo infiammatorio, in sede cistica che potrebbe richiederei il ritrattamento endodontico ( ridevitalizzazione ) degli elementi dentari
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
E' stata fatta la prova della vitalità sui denti in questione?
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Vi ringrazio per l'interessamento, allora: una volta eseguito il trattamento sulla prima ciste la mobilità degli incisivi centrali era totalmente scomparsa; in secondo luogo no, non ho effettuato il test della vitalità questa seconda volta.
Vi chiedo inoltre se con una TAC dental scan ogni dubbio potrebbe essere fugato e, se nel caso anche questo esame desse esito negativo, come potrei "muovermi".
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Ma prima della TC io farei la cosa più semplice e veloce se non banale: il test della vitalità.
Cordialmente