Utente 130XXX
Buonasera,
vi scrivo per avere alcuni chiarimenti relativamente allo stato di salute del mio attuale compagno.

ci frequentiamo da poco e stiamo avendo i primi rapporti sessuali.
da subito ha manifestato seri problemi di mantenimento dell'erezione, raggiunge l'erezione ma è spesso incompleta o comunque molto molto instabile. inoltre basta un nulla e la perde. lui diceva che è ansia da prestazione perchè mi ama molto e che gli è sempre capitato con le persone di cui si è innamorato. la cosa poi si risolveva piano piano con la consenza. tuttavia l'ho spinto ad eseguire alcuni controlli anche perchè ha 11 anni più di me e non ha mai fatto una visita andrologica. ho notato inoltre che ha i testicoli piccolissimi e ho pensato potesse esserci una correlazione con il testosetrone.
è stato in ospedale da un bravo andtrologo, che ovviamente gli ha prescritto alcuni accertamenti, tra cui spermocoltura, ecodoppler e alcuni esami del sangue. l'ecodoppler lo farà nei prossimi giorni. intanto mi ha fatto sapere solo che il livello di testosterone risulta ai minimi storici, per capirci al limite inferiore dell'intervallo accettabile. la cosa può influire sul suo problema?

ci sono altre due cose che vorrei chiedervi.
la prima è che quando raggiunge l'orgasmo attrraverso la stimolazione della mia mano, nel momento stesso in cui arriva l'orgasmo l'erezione sparisce di botto, completamente proprio, in un secondo, il pene cioè diventa da eretto a zero nell'istante esatto dell'inizio dell'orgasmo. la cosa mi ha lasciato stupita perchè in genere con gli altri uomini l'orgasmo durava qualche secondo, durante il quale proseguivo con la stimolazione manuale. è una cosa normale?
seconda cosa, ha sempre delle eiaculazioni ridottissime, anche se per lui sono normalissime. per ridottissime intendo che quasi non c'è traccia, solo una cosa minima in genere abbastanza densa (parlo proprio di poco, pochissimo...). anche qui vi chiedo, è una cosa normale o può nascondere qualche problema organico? il mio ex (mio coetaneo, quindi più giovane) aveva eiaculazioni massicce e orgasmi più prolungati.

vi ringrazio molto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice ,

tutte le osservazioni da lei fatte indicano che il suo attuale compagno necessita di una attenta e approfondita valutazione clinica andrologica in diretta che mi sembra già in corso; quindi aspettiamo ora anche le valutazioni con ecografia delle vie uro-seminali ed ecocolordoppler, spero dinamico, delle arterie peniene.

Fatto il tutto ci riconsulti e le potremo forse dare un parere clinico più preciso.

Un cordiale saluto.