Utente 163XXX
Buongiorno vi scrivo in merito ad eco che ho fatto a causa di dolori persistenti al petto(dovuti all’ansia).ESITO:
Conservate le dimensioni del bulbo aortico, delle giunzioni sino-tubulare e dell’aorta ascendente esplorabile. Nei limiti i diametri endocavitari e gli spessori parietali. Nn alterazione della cinesi segmentaria. Conservati gli indici di contrattilità globale FE > 55% morfologia e dinamica valvolare aortica e mitralica nei limiti della norma.
Jet da insufficenza valvolare mitralica di I grado da alterata coaptazione dei lembi e privo di significato emodinamico. Nn immagini riferibili ad insufficenza valvolare aortica. Nella norma la velocità di flusso transvalvolare anterogrado di aorta e mitrale.
Jet da insufficenza valvolare tricuspidale di I’ II’
PAP 36 mmHg
Nn anomalie a carico dei setti esplorati.
Pericardio indenne.

Il medico del San luca di milano dottor Randazzo che mi ha eseguito l’eco molto competente e rassicurante mi ha detto che nn ho assolutamente nulla di stare tranquillo e di nn rifare questo esame per un bel po di tempo.io sono cmq un po preoccupato questi ‘JET’ se nn ho capito male sono dei soffi giusto? Ma posso condurre 1 vita cmq normale da ragazzo di 25 anni o son cmq piu a rischio verso le malattie cardiache?posso correre fare sport ecc…. io sono un donatore di sangue dovrei smettere?sono 3 mesi che ho smesso di fumare per mia fortuna ma questi soffi mi preoccupano cmq molto.è una situazione che andrà a peggiorare con l’età? avevo fatto 1 altro eco in passato e l’esito era stato molto simile.mi scuso per le mille domande ma sono un po preoccupato.grazie a chi vorrà rispondermi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Stia pure tranquillo: ciò che è stato evidenziato all'ecocardiogramma è reperto molto comune nella popolazione sana, e non pregiudica alcuna attività sportiva.
Mantenga l'attuale sano stile di vita, ripetendo uno screening cardiologico ogni due-tre anni per valutare l'eventuale (ma improbabile) progressione del grado di insufficienza valvolare.
Cordiali saluti