Utente 438XXX
Buongiorno! sono un ragazzo di 28 anni con una relazione fissa da circa due anni e vi scrivo perchè vorrei esporre un problema che ormai diventa sempre più pesante: penso di soffrire di eiaculazione precoce. Da quanto ho letto non esiste un indice di durata che indichi esattamente se esiste questo tipo di problema o meno, tuttavia rientro ci sono alcune indicazioni che mi hanno portato a pensare di soffrirne:
-a volte eiaculo ancora prima della penetrazione
-a volte eiaculo mentre indosso il preservativo
-spesso eiaculo dopo le prime spinte
-solo poche volte riesco ad avere un rapporto di una certa durata
Questo tipo di problema l'ho sempre avuto, anche durante le mia precedenti relazioni, quindi non credo sia legato alla mia attuale partner. Tuttavia non riesco a capire se si tratti di un problema "fisico" o "psicologico".
Per quanto riguarda il fisico posso dire che, da circa 5-6 anni, ho una forma di varicocele al testicolo sinistro, che secondo il mio medico curante, tuttavia, non dovrebbe darmi particolari problemi. Inoltre, da un paio di mesi, saltuariamente ho dei dolori ad entrambi i testicoli.
Per quanto riguarda, invece, il lato psicologico del problema ammetto che a questo punto spesso sono preoccupato durante il rapporto perchè credo di non riuscire a soddisfare la mia partner, anche perchè tale problema incomincia ad avere delle ripercussioni sulla nostra vita di coppia. Un altro dato che mi fà pensare che si tratti di un problema psicologico è che quando ho un rapporto dopo aver bevuto qualche bicchiere in più la situazione migliora leggermente, che sia più rilassato?Con la mia ragazza ne ho parlato da alcuni giorni, mi ha detto che intende starmi vicino ed aiutarmi a superare il problema, però non può certo attendere all'infinito....

Finora ho provato a migliorare la situazione utilizzando dei preservativi ritardanti, ma non ho avuto grandi risultati. Inoltre, a volte, durante il secondo rapporto una volta indossato il preservativo perdo l'erezione, può essere dovuto alla sostanza ritardante?

Non sò se sono stato molto chiaro nella mia spiegazione, nel caso, quindi, vogliate farmi delle domande sono pienamente disponibile. Vi prego di aiutarmi a risolvere il mio problema, non sò come muovermi: dovrei consultare un andrologo o un urologo?oppure qualche altro specialista? Io sono di Como, conoscete qualcuno da consigliarmi nella zona Como-Milano-Varese? Sò che è sbagliato vergognarsi di tali problemi, ma non vorrei rivolgermi al mio medico curante....

Un ultima domanda: ho letto che si può migliorare la situazione con una sorta di "ginnastica" è vero? che tipo di esercizi dovrei fare?

Grazie per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro utente,il problema dell'eiaculazione precoce é la "piaga" dei nostri tempi in campo sessuologico.Certamente non é un problema esclusivamente legato a tempi definiti di coito ma,per convenzione,si ritiene precoce un coito che duri meno di 2 minuti dalla penetrazione.Inoltre,i casi più spinosi sono quelli in cui la
durata é la medesima a prescindere dal tipo di rapporto (vaginale,orale,mastuirbatorio etc.),dalla posizione assunta (prona,supina etc.),nonché dalla ripetizione le rapporto nella medesima "seduta".Come vede c'é "materiale" per definire e migliorare il quadro,ma certamente non é accettabile che si possa ricorrere all'alcool o a stupefacenti...Cerchi un andrologo a Lei vicino sul sito della Società Italiana di Andrologia :
www.andrologiaitaliana.it e ci aggiorni,se ritiene.
p.s. : é chiaro che il problema é pervaso da implicazioni psicologiche individuali e di coppia,per il cui il consiglio non esclude un'introspezione psico-sessuologica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 438XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dr.Izzo, la ringrazio per le indicazioni fornitemi. Volevo solo chiarire che non intendo ricorrere all'alcool per risolvere il problema, ma avendo notato che la situazione migliora (a volte) quando sono "allegro" ho pensato che potesse essere indice di un problema più che altro psicologico... Intendo dire che se và meglio, quando sono più rilassato o "poco lucido",magari vuol dire che è soloo un problema di approccio mentale.
Comunque, per fare un passo alla volta, lei escluderebbe un legame tra il varicocele e l'eiaculazione precoce?

grazie ancora per la disponibilità,
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Assolutamente si,lo escludo.
Le rinnovo i saluti