Utente 185XXX
Mi sono sottoposto ad un intervento chirurgico di Ernia Inguinale (dx)
circa un mese fa.
Sono stato per circa 10gg in assoluto riposo (Letto e divano) spostandomi solo
per necessità.
Ad oggi, però, ho dei grossi problemi nella mobilità, nel senso che si
presentano dei dolori lancinanti nella zona inguinale verso l'interno coscia e
forti dolori "pungenti" appena sotto la cicatrice (tra cicatrice e pene).
Per esempio quando mi abbasso per lavarmi il viso, quando devo mettere la
calza/scarpa (cosa che devo "delegare" a mia moglie) o quando mi alzo da
sedie/divano.
Sono andato dal Chirurgo che mi ha operato, il quale mi ha sottolineato
che nella zona operata non avevo grasso, ma solo fasci di nervi/tendini e
che quindi era possibile una infiammazione post operatoria dovuta a nervi
"toccati" o alla rete di contenimento che poteva "sfregare" su
tendini/nervi...
Ho cominciato, dietro sua prescrizione, una terapia che consiste in Toradol(2
compresse al dì) e Lyrica (2 compresse al dì). Sono ormai 8 giorni che ho
iniziato la terapia abbinata ad assoluto riposo, però il dolore è solo
leggermente diminuito, ma persiste e mi causa notevoli disagi anche psicologici
(paura che la situazione non si risolva con medicinali e che si protragga nel
tempo!!).
Ieri ho contattato nuovamente il Chirurgo (dietro sua richiesta), il quale mi
ha consigliato di continuare la terapia e di "stare a vedere" se le cose
migliorano per poi ricontattarlo più avanti...
Secondo Lei cosa posso fare per capire cosa c'è che non va? (Ecografia o altro?)
Grazie in anticipo!
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
In effetti le nevralgie post ernioplastica sono evenienze possibili. Nella stragrande maggioranza dei casi la risoluzione è spontanea dopo un certo periodo, in rari casi puo' essere necessario ricorrere a ulteriori terapie secondo le indicazioni del chirurgo che la segue. Auguri!
[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dott. Favara.
Le chiedo un'ultima cosa.
Se dovessi, per mia volontà di avere anche un altro consulto, chiedere di sottopormi ad una ecografia, pensa che si potrebbe avere un riscontro del motivo dei miei dolori persistenti, o non serve per diagnosticare nevralgie o nervi compromessi...
Sono un po' preoccupato e vorrei essere sicuro e capire se con una ecografia ci sia la possibilità di vedere un eventuale problema.
Grazie in anticipo.
Buona Giornata.
Massimo