Utente 153XXX
Salve
spero mi possiate aiutare, riporto quindi quello che mi è accaduto:

circa 2 mesi fa mi infilai una punta di forbice appuntita penetrando nella prima falange indice in profondita....dopo 2 settimane si rimarginò la ferita ma non riuscivo a muovere il dito dal male...passato 1 mese il dolore iniziò a dimininuire; mi recai da uno specialista in ortopedia che MI DIAGNOSTICò CHE SI ERA FORMATA UNA ADERENZA ma il tendine ERA INTEGRO, infatti io riuscivo e riesco a piegare e allungare il dito completamente, il tendine era però gonfio e diagnosticò una formazione sottocutanea che comprimeva il tendine penso, (il dolore lo avvertivo fra la prima e la seconda falange, nell'intersezione; in particolare non centralmente ma ai lati del dito, dove passano appunto i tendini)...mi suggerì di fare bagni ipertonici e movimento del dito...mi consigliò poi una ecografia...ma a causa della lista di attesa (6 mesi) non la feci...avrebbe comunque confermato la diagnosi penso....mi sono recato cosi da un fisioterapista (1 seduta), mi ha fatto vedere esercizi vari e io li ho fatti per 2 settimane fino ad ora...il dolore è molto passato tuttavia si è formata dopo 2 volte che mi sono manipolato il dito con esercizi di allungamento e piegamento e svigolamento delle specie di ''palline''...non sò come spiegare ma sono solidali con il tendine, sono più o meno centrali nell'intersezione 1 e 2 falange dito indice..piegando il dito sento che si muovono...e penso siano queste la causa del dolore...

attualmente la mattina mi sveglio e sento abbastanza dolore al dito...manipolo un pò e diminuisce molto...
chiedo quindi che cosa si è formato?
la diagnosi è corretta? vanno bene gli esercizi che sto facendo?
cosnigli per risolvere il problema?

chiedo questo perchè ho 19 anni e facendo ciclismo sento dolore frenando sulla pinza freno...vorrei riacquistare la funzionalità completa del dito

per favore aiutatemi
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
E' possibile che il trauma con le forbici abbia in qualche modo interessato parzialmente il tendine. E' difficile parlare di aderenze se il movimento è conservato.
DirLe se la diagnosi è corretta e se vanno bene gli esercizi non è assolutamente possibile: occorre valutare attentamente il dito, i caratteri del dolore, il movimento concesso, la presenza di queste palline, la loro sede (la Sua frase "ai lati del dito, dove passano appunto i tendini" fa sorgere molti dubbi, in quanto i tendini passano al centro del dito e non ai lati).
Le consiglio una visita presso un ortopedico esperto in chirurgia della mano. Può trovare qui alcuni specialisti della Sua provincia, limitatamente a quelli iscritti alla Società, e le strutture pubbliche nelle quali lavorano http://www.sicm.it/regioni.html?reg=5.
Una volta valutato il dito e stabilito se occorrano accertamenti specifici Lei potrà avere un quadro clinico dettagliato e sapere cosa si può fare.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
mi scusi per le imprecisioni...non sono un medico ovviamente.
Mi recherò da uno specialista
la ringrazio molto