Utente 123XXX
Gentili dottori, ho 36 anni, sono sposato e ho un bimbo di anni 6. Ho avuto una sola partner nella mia vita che è tutt'ora mia moglie. Da sempre ho avuto difficoltà a raggiungere una erezione e mantenerla durante il rapporto. In particolare, nonostante l'eccitazione e/o la voglia di fare sesso, l'erezione non arriva e spesso devo provocarla manualmente. Durante la penetrazione riesco a tenere l'erezione, ma appena smetto per cambiare posizione o altro la perdo. Non sono mai riuscito ad inserire il preservativo in quanto durante tale manovra perdo l'erezione. Difficilmente riesco a fare sesso la seconda volta dopo poche decine di minuti o poche ore. Il mattino di solito ho delle erezioni anche se non molto vigorose. Questo accade da sempre. Vorrei sapere se posso risolvere il problema con medicinali adatti o anche con metodi nturali. Ho visto in rete un prodotto che vorrei sapere se conoscete e se merita attenzione: http://www.labosalute.com/disturbi-sessuali/Staminil-Libi-Strip-uomo.asp Vi ringrzio per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
pesnso che da quanto ci descrive sia opportuna una dettagliata valutazione andrologica diretta come primo passo, per porre innanzitutto una diagnosi del suo disturbo. Le sconsiglierei di affidarsi ad integratori (il link che ci invia fa riferimento ad alcuni degli innumerevoli prodotti esistenti), che non hanno la dignità di farmaci e non hanno mai dimostrato in maniera scientifica di avere reali effetti.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
mi associo al Dr.Piscatori nella risposta.
Lei ci scrive di possibile terapia, ma prima di ogni cosa necessita di una diagnosi clinica completa effettuata da un bravo andrologo.
In un secondo momento, valutata la sua giovane età, le suggerirei un valutazione psico-sessuologica, che posssa approfondire le componenti psichiche, relazionali, intrapsichiche, da cattivo apprendiemnto sessuale e correlate all'immagginario erotico, della sua sessualità.
Un approccio poliedrico, le sarà di sicuro di grande giovamento, ridurre la sfera della sessualità esclusivamente alla zona plevica è riduttivo e scarsamente veritiero.
Cari auguri