Utente 418XXX
Sono affetta da malattia rara (Cistite Interstiziale), presumibilmente autoimmune e comportante un deficit di glicosaminoglicani, ed ho già richiesto in precedenza consulti attinenti all'argomento.
La malattia sta coinvolgendo molti organi, in particolare cartilagine e pelle.
Ho affettuato biopsie cutanee al viso che hanno rivelato: "appiattimento dell'epidermide, poggiante su derma elastosico.Occasionale infiltrato linfocitario periannessiale."L'effetto visibile è una notevole perdita di elasticità della pelle, quasi un invecchiamento accelerato.Alla luce di tale biopsia, è comunque possibile eseguire i trattamenti medico estetici d'uso? quali le possibilità per migliorare localmente il linfodrenaggio (palpebre sempre gonfie)?sono impiegabili gli ultrasuoni? N.B. la capacità di cicatrizzazione della pelle è molto buona.
Un'ultima cosa, ho molti problemi anche alle mani, poichè la cute è atrofica e non trattiene più l'acqua, nessuna crema viene assorbita, modesto beneficio dalla glicerina.Sono eseguibili trattamenti specifici anche lì? grazie a tutti!!!!
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
genitle utente,

un pò di attenzione:

la patologia di cui soffre, non può essere la medesima che sta causando una elastosi dermica ed un edema acrale e perioculare.

il mio sospetto, non vincolante e non diagnostico in questa sede si orienta, verso altri quadri autoimmunitari (che purtroppo possono sovrapporsi nei pazienti con questa spinta immunologica).

"Connettivite mista" "polimiosite" e "dermatomiosite" sono le prime patologie che debbono essere escluse in una sede specialistica DERMATOLOGICA.

Pertanto, se vogliamo ragionare in maniera seria, non possiamo certo perdere tempo su consigli cosmeceutici, ma dobbiamo spingerla ad ogni modo ad indagare bene questa sua situazione, ben sapendo che tali patologie hanno la loro "casa comune" nella sede dermatologica, indubitamente la migliore per l'approccio di queste situazioni.

nella speranza che tutto il corredo sintomatologico non sia spia di nulla di preoccupante (inutile quindi ansie infondate) le consiglio però di approcciare al meglio la sua situazione.

Cari saluti e ci tenga informati se vorrà.
DOTT. LUIGI LAINO
RICERCATORE SPECIALISTA DERMATOLOGO
ROMA