Utente 179XXX
buonasera,
nei mesi scorsi (maggio-giugno) ho accusato extrasistoli bigemine, in seguito alle quali ho fatto una visita cardiologica con elettrocardiogramma ed ecocardiocolordoppler. i riultati sono stati i seguenti:
per visita ed ecg:
non edemi declivi, non turgore giugulare, polsi periferici presenti ed isosfigmici. PA 120/70, FC 85 BPM, soffio eiettivo 2/6 ubiquitario e rinforzo II tono. deviazione assiale sinistra, blocco incompleto di branca destra.
per ecografia:
finestra aucustica sub-ottimale. ventricolo sinistro di normali dimensioni cavitarie, spessori parietali, cinetica segmentaria e funzione sistolica globale (FE 67%).
radice aortica ed aorta ascendente di normali dimensioni.
atrio sinistro lievemente dilatato (40, 7 mm).
lembi valvolari mitralici lievemente ispessiti. lieve rigurgito mitralico. mal visualizzabile la morfologia valvolare aortica; non evidenti alterazioni flussimetriche. lembi valvolari tricuspidali fibrotici con formazioni iperecogene aedese e anomala coaptazione. al color doppler: rigurgito tricuspidale (mal valutabile, di probabile grado moderato). sezioni destre dilatate. assenza di versamento pericardico.

aggiungo che sono nata con un difetto interventricolare restrittivo e che 13 anni fa ho avuto l'endocardite.

ora le extrasistoli mi vanno e mi vengono, aluni giorni le ho, altri no.

date tutte queste situazioni posso fare attività fisica (nuoto due volte a settimana)? il mio medico di famiglia mi ha rilasciato il certificato medico da presentare in palestra, ma, ad essere sincera, di questo dottore non mi fido. dunque mi consigliate di fare prima ulteriori controlli? dovrei fare l'elettrocardiogramma da sforzo o è superfluo questo esame?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in assenza di particolari sintomi, il suo disturbo, comune a molte altre giovani, di per sè non rappresenta un motivo invalidante da rinunciare all'attività sportiva non agonistica. Segua pure le indicazioni del suo medico.
Saluti