Utente 437XXX
Buongiorno gentili dottori.
A marzo ho effettuato degli esami per escludere delle allergie.
Dai risultati:
PROFILO INALANTI (val.rif. <0.35)
T9 Olea Europea 1.14
G2 Cynodon.Dact. 0.38
E1 Epitelio Gatto 0.40
D1 Derm.Pteronys. 10.5
D2 Derm.Farinae 30.1
Profilo additivi e alimenti non hanno segnalato nulla di particolare. Perciò il mio medico mi ha detto che ho una discreta allergia nei confronti della "polvere" - è stato abbastanza generico. Recentemente mi è comparsa una cosa strana. Mentre lavo i piatti, senza guanti, mi si irrita la parte centrale della mano interna. Diventa screpolata all'inverosimile, brucia e devo immediatamente smettere di lavare i piatti. Il bruciore continua per un'altra ora abbondante e quando lavo i piatti nuovamente il problema si ripresenta. Come "cura" ho cominciato ad utilizzare i guanti, che perlomeno mi proteggono ma che io non sopporto. Ma questo sintomo è indicativo di allergia a qualche prodotto chimico? Ci sono degli esami per capirlo?
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Le mani da lavandaia, in prima approssimazione, non implicano un meccanismo allergico (parola che ha un suo significato ber preciso e implica il coinvolgimento di specifici meccanismi immuni) ma una irritazione chimica.

Il sapone classico, in acqua, produce acidi grassi a catena lunga e soda o potassa caustica. Questi ultimi sono alcali che aggrediscono la pelle, sciolgono il film idrolipidico, si infilano nelle pieghe e creano fessurazioni profonde e dolorose.

Soluzione: cambiare detergente dei piatti, ungersi le mani con creme grasse prima di lavare, usare uno di quei "guanti chimici" (una spuma che protegge dagli aggressivi chimici).

L'allergia (questa si') al dermatofagoide e' detta "alla polvere di casa" perche' questi acari e le loro deiezioni prosperano nel microambiente domestico, come potra' lei stessa approfondire con una rapida googlata.