Utente 442XXX
Salve volevo chiedere un consulto in merito alla mononucleosi.
A metà agosto ho iniziato ad avere alterazioe 37-37,5 con dolori muscolari, sono andata dal medico il quale mi ha detto che si trattava di una sintomatologia virale. Dopo due settimane avevo ancora l'alterazione e in più delle ghiandole gonfie. il medico mi ha dato degli esami (prelievo del 6/09/07) per la toxo, la cmv e mononucleosi l'unica alla quale sono risultata positiva con risposta: eb-vca igm 10 (0-20 negativo) eb-vca igg 750 (oltre 21 positivo). Il mio medico mi ha detto, in base alle risposte, risulta che io ho avuto il virus e la malattia è passata. A tuttoggi (17/09/07) ho ancora l'alterazione e un pò di stanchezza, in quanto alle ghiandole un pò si sono sgonfiate. E' possibile che abbia ancora in corso la malattia? per quanto tempo potrei portarmi dietrro questi sintomi? grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Gentile SIGNORA,
la mononucleosi è una malattia febbrile causata dal virus di Epstein-Barr , appartenente alla famiglia degli Herpes virus. Il nome deriva dal fatto che la malattia causa un aumento dei globuli bianchi, in particolare delle cellule mononucleate. Diffusa soprattutto fra i giovani, può essere contratta in qualsiasi ambiente affollato, essendo estremamente contagiosa; il contagio avviene attraverso la saliva (è detta anche malattia del bacio) e le urine.
Il periodo di incubazione varia fra 30 e 50 giorni.
Spesso il contagio decorre in maniera asintomatica e può essere confusa con altre patologie , essendo il sintomo principale rappresentato dalla stanchezza; solo in una minoranza di casi si manifesta con l'ingrossamento dei linfonodi del collo, della nuca, delle ascelle e dell'inguine, mal di gola intenso , febbre elevata e prolungata , astenia, lieve ingrossamento della milza.
Il decorso della maattia e della guarigione è molto variabile e può andare da dieci a oltre sessanta giorni.
Normalmente l'infezione si risolve da sola; per i casi più gravi è possibile impiegare antivirali dell'ultima generazione .
Poiché in molti casi la malattia è asintomatica, nei giovani la mononucleosi può essere responsabile di periodi di scarsa forma difficilmente spiegabili.
Pur essendo un'infezione acuta, a differenze di altre malattie contraibili dalle gestanti, la mononucleosi non costituisce un pericolo per la futura mamma o il bambino, non induce l'aborto e non è ritenuta responsabile di possibili malformazioni del feto.
per cui le consiglio una dieta varia, un pò di riposo, qualche multivitaminico ed un pò di serenità
in bocca al lupo
SUO PROF LUIGI MARINO