Utente 137XXX
Gradirei sapere se il paziente neoplastico (affetto da K prostatico metastatizzato), non ancora sottoposta a chemio, ha un sistema immunitario danneggiato o depresso. Se così fosse non sarebbe il caso di ricorrere a qualche preparato ( della medicina ufficiale o non ) che lo stimoli e in genere rafforzi l’organismo? Qual è il Vostro parere in proposito? Nel ringraziarvi porgo i miei sentiti auguri di Buon Anno.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno.
Il sistema immunitario del soggetto in questione non è riuscito a controllare/eliminare le cellule neoplastiche, pertanto si può dire che presenta un difetto in tal senso. Ciò non significa (o non necessariamente significa) che il soggetto è immunodepresso in senso generale. In linea teorica, escludendo la presenza di altri possibili deficit per i quali sono di solito prescritti (es. modesti defici umorali), i preparati immunostimolanti non dovrebbero essere di particolare aiuto.
Saluti,