Utente 186XXX
Salve,
La contatto per problemi di sensibilità al pene, ormai ne avrete la pancia piena ma cercherò di fornirvi quanti più dati possibili e premetto che a febbraio andrò a fare una visita andrologica.
Ho subito una circoncisione completa intorno ai 18 anni in quanto avevo la fimosi. Fatta l'operazione dopo qualche mese ricomincio a praticare sesso e mi accorgo di avere perso una notevolissima sensibilità in quanto, il rapporto orale è diventato senza senso, per essere più precisi sento solo "minimamente" la lingua del partner pensi che questo tipo di rapporto ha superato anche le 2 ore senza risultati, a differenza di prima che durava al massimo una decina di minuti in cui qualche volta neanche ne avevo voglia. Per quanto riguarda l'atto sessuale, prima ovviamente lo praticavo solo ed esclusivamente col preservativo, ora senza perché appena lo metto il pene si affloscia, non ho mai raggiunto quella "durezza" che avevo prima con l'erezione, per avere l'eiaculazione devo mettermi solo in un paio di determinate posizioni e concentrarmi tantissimo, tant'è che basta un minimo di distrazione per perdere l'erezione necessaria al rapporto. Io ovviamente ho provato a parlarne con qualche coetaneo appena notate queste difficoltà ma mi han detto che era sicuramente un problema post-operatorio... Ora sono trascorsi 4 anni e non credo di avere ancora questo trauma post-operatorio!
Ovviamente non è che tutti i rapporti siano un fallimento, ci sono dei rapporti che vanno un pò meglio (mai come quelli prima della circoncisione) quindi sicuramente la base psicologica è importante come così anche l'alimentazione ma mi chiedo com'è possibile che prima anche senza un forte desiderio avevo dei rapporti sessuali molto piacevoli e ora con tutto il desiderio non sono minimamente paragonabili a quelli attuali? (anche perché l'erezione era molto più duratura e non avevo bisogno di concentrarmi x mantenerla). Inoltre la masturbazione è diventato un altro problema infatti a differenza di prima che potevo farla con la mano, ora anche quando il pene è eretto devo farlo solo mettendo le dita vicino alla parte inferiore del glande, se utilizzo la mano con pollice o senza pollice o mi fa male o mi si affloscia. Mi sono anche fatto visitare da un chirurgo in quanto mi ha detto che ho una circoncisione perfetta.
Ovviamente chiedo a voi se è possibile riacquistare in qualche modo la sensibilità perduta in maniera naturale o magari con qualche intervento chirurgico o con qualche nuova tecnologia medica.
Se dovete essere crudi siatelo perché preferisco sapere l'amara verità, invece se c'è qualche speranza ditemi come devo comportarmi e cosa devo fare.
Cordiali Saluti e Buone Feste

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,e' stata mai posta una diagnosi andrologica post circoncisione?
I riscontri clinici che ci trasmette sono abbastanza tipici e,quindi,non credo che debbano procrastinare un disagio sessuale di tal fatta.Ne parli con un esperto andrologo.Cordialita'.
[#2] dopo  


dal 2011
Comprendo, volevo chiederle a questo punto se esiste un modo per tornare allo stato precedente (anche esteticamente) e riacquisire la sensibilità (tutta o in parte) ormai perduta che mi crea tanto disagio! Inoltre non mi è stata posta nessuna diagnosi andrologica post-circoncisione...
La ringrazio per la sua rapida risposta nel post soprastante!
Cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non e' possibile ripristinare il prepuzio circonciso.Quanto al futuro,ribadisco la necessita' di un percorso andrologico rigoroso.Cordialita'.