Utente 870XXX
SALVE SONO UNA RAGAZZA DI 29 ANNI. DA PICCOLA I MIEI MI FECERO FARE UN ESAME PER LO STOMACO E MI FECERE BERE DA UN BICCHIERONE DEL SOLFATO DI BARIO.....ORA SONO PASSATI CIRCA 20 ANNI DALL'ULTIMA VOLTA E VOLEVO SAPERE SE CI POSSONO ESSERE CONTROINDICAZIONE PER L'ASSUNZIONE DEL BARIO.
SOFFRO DI GASTRITE BRUCIANTE...
BUONE FESTE ATTENDO UNA VS RISPOSTA GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signora
oggi come oggi esistono altri prodotti da assumere per gli esami radiologici e sicuramente privi di controindicazioni. In merito alla "gastrite bruciante" forse dovrebbe specificare meglio il suo problema visto che l'esame diagnostico principale per i problemi di stomaco è la gstroscopia.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 870XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dottore Nardacchione, grazie per la sua risposta ..... io vorrei fare un buon esame che mi possa descrivere al meglio il mio problema e sinceramente non so quale sia il migliore....solo mi ricordavo del vecchio metodo del bere il bario e fare una radiografia.....voi ritenete che è meglio la gastroscopia???? in questo tipo di esame non devo assumere alcuna sostanza? se è meno pericoloso mi sottoporrò a questo o meglio potete consigliarmi il meno rischioso?grazie fin da ora....n.b. sono da moltissimi anni che soffro di bruciore acido e spesso devo assumere il maalox per due giorni di fila per passarmi il fastioso dolore al centro petto e schiena.spesso mi sforzo a rimettere in modo che venga fuori quella sgradevole sostanza giallastra e mi sento meglio anche per quanto riguarda il battito cardiaco chee in fase di bruciore aumenta a circa 97 battiti...mi date un consiglio? ciao
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signora
purtroppo il mezzo telematico che utilizziamo non mi permette di visitarla e di poter supporre una diagnosi.
Per tale motivo le consiglio di rivolgersi innanzitutto al suo medico curante. Solo dopo aver ascoltato i suoi disturbi ed una accurata visita si potrà consigliare l'esecuzione dell'esame più opportuno.
Nel frattempo le sconsiglio vivamente di ricorrere a terapie assunte autonomamente o a manovre come l'induzione del vomito, che alla lunga, oltre ad farle aumentare il battito cardiaco, potrebbero risultare addirittura pericolose.
In attesa di sue nuove notizie le formulo i migliori auguri con la speranza che il nuovo anno le porti maggiore serenità.

Cordiali saluti