Utente 870XXX
SALVE SONO UNA RAGAZZA DI 29 ANNI. DA PICCOLA I MIEI MI FECERO FARE UN ESAME PER LO STOMACO E MI FECERE BERE DA UN BICCHIERONE DEL SOLFATO DI BARIO.....ORA SONO PASSATI CIRCA 20 ANNI DALL'ULTIMA VOLTA E VOLEVO SAPERE SE CI POSSONO ESSERE CONTROINDICAZIONE PER L'ASSUNZIONE DEL BARIO.
SOFFRO DI GASTRITE BRUCIANTE...
BUONE FESTE ATTENDO UNA VS RISPOSTA GRAZIE
[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signora
oggi come oggi esistono altri prodotti da assumere per gli esami radiologici e sicuramente privi di controindicazioni. In merito alla "gastrite bruciante" forse dovrebbe specificare meglio il suo problema visto che l'esame diagnostico principale per i problemi di stomaco è la gstroscopia.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 870XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dottore Nardacchione, grazie per la sua risposta ..... io vorrei fare un buon esame che mi possa descrivere al meglio il mio problema e sinceramente non so quale sia il migliore....solo mi ricordavo del vecchio metodo del bere il bario e fare una radiografia.....voi ritenete che è meglio la gastroscopia???? in questo tipo di esame non devo assumere alcuna sostanza? se è meno pericoloso mi sottoporrò a questo o meglio potete consigliarmi il meno rischioso?grazie fin da ora....n.b. sono da moltissimi anni che soffro di bruciore acido e spesso devo assumere il maalox per due giorni di fila per passarmi il fastioso dolore al centro petto e schiena.spesso mi sforzo a rimettere in modo che venga fuori quella sgradevole sostanza giallastra e mi sento meglio anche per quanto riguarda il battito cardiaco chee in fase di bruciore aumenta a circa 97 battiti...mi date un consiglio? ciao
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signora
purtroppo il mezzo telematico che utilizziamo non mi permette di visitarla e di poter supporre una diagnosi.
Per tale motivo le consiglio di rivolgersi innanzitutto al suo medico curante. Solo dopo aver ascoltato i suoi disturbi ed una accurata visita si potrà consigliare l'esecuzione dell'esame più opportuno.
Nel frattempo le sconsiglio vivamente di ricorrere a terapie assunte autonomamente o a manovre come l'induzione del vomito, che alla lunga, oltre ad farle aumentare il battito cardiaco, potrebbero risultare addirittura pericolose.
In attesa di sue nuove notizie le formulo i migliori auguri con la speranza che il nuovo anno le porti maggiore serenità.

Cordiali saluti