Utente 503XXX
Circa otto anni fa un avuto un forte episodio di vertigini con pressione 180/120, successivamente sono comparsi numerosi extrasistoli e acufene.
Circa tre anni fa ho avuto una febrillazione atriale che è scomparsa dopo un trattamento ryitmonorm di circa due ore.
Gli extrasistoli ormai mi accompagnano da circa otto anni è a volte quando sono molti e vicini tra loro mi fanno sentire veramente male.
Cinque giorni fa ho avuto un altro femoneno di febrillazione atriale, risolta allo stesso modo della precedente, e ho preso per tre giorni il rytmonorm da 150 solo che adesso sono circa due giorni, da quando ho smesso con il Rytmonorm e ho incominciato il congescor che sento numerosissimi extrasistole che mi fanno sentire veramente male, e sento un senso di vuoto che parte dal cuore e va allo stomaco che , a volte mi fa anche tossire.
Inutile dire che nel corso degli anni ho fatto numerosi esami, come ecg, ecodoppler, holter pressorio e dinamico, prova da sforzo. Tutti questi esami hanno sempre dato esito negativo, a parte i numerosi extrasistoli (anche 1700) che, come ha detto il medico, sono benigni.
Quindi il mio cuore sembra sano ma i sintomi cominciano ad essere, per me , debilitanti.
ringrazio anticipatamente e saluto.
Prendo da due giorni il congescor da 1,25, una compressa al mattino.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ercole Tagliamonte
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
da quanto scrive sembrerebbe, in effetti, che il suo cuore non sia sede di alterazioni rilevanti. Quello che bisogna tenere presente, e che non vedo menzionato nel suo consulto, è che tra le cause principali di fibrillazione atriale ce ne sono alcune extracardiache. Mi riferisco, nello specifico, a problemi a livello gastroesofageo e tiroideo. In entrambi i casi, pur essendo il cuore sano, possono verificarsi problemi aritmici, anche molto fastidiosi. Anche l'intervallo di tre anni tra un episodio di fibrillazione atriale e l'altro, potrebbe essere compatibile con una causa extracardiaca. Se non l'ha già fatto, potrebbe essere utile indagare in tal senso. Per qualsiasi altro chiarimento reso a sua disposizione.
Cordiali saluti.