Utente 444XXX
Buongiorno, ieri mi sono stato sottoposto all'Ecocolor doppler, volevo avere un vostro parere, se è necessario che mi operi o meno e se è consigliabile effettuare l'operazione in certi periodo piuttosto che in altri. Grazie.
Questa la diagnosi:
"Ecocolor Doppler venoso degli arti inferiori.
Varici dell’arto inferiore sinistro.
Asse venoso femoro-popliteo con flusso regolare, fasico con il respiro, continente e normalmente comprimibile. Nessun segno di trombosi venosa profonda. Safene interne con reflusso bilateralmente dalla crosse, maggiore a sinistra dove la safena all’origine è dilatata. Continenti le piccole safene."
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro De Troia
24% attività
4% attualità
8% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2003
Dal referto ecodoppler le direi che l'intervento è indicato. Il perdiodo migliore autunno, inverno, primavera.
Cordialità

Alessandro de Troia
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Di Giacomo
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Caro utente,
vedo un'indicazione assoluta all'intervento chirurgico che, in questo caso, costituisce un intervento di prevenzione secondaria ossia serve a prevenire le complicanze: flebiti, trombosi venose, ulcere ecc. nessuna delle quali, le garantisco, è auspicabile.
Ogni periodo è buono sebbene l'estate comporti due problemi essenziali: primo, dover sopportare una fascia o calza elastica per almeno 15 giorni con il caldo italiano e, secondo, non poter esporre le cicatrici al sole pena un risultato estetico peggiore a distanza. Ma se lei vive in ambienti condizionati o sopporta molto bene il caldo e non è un patito della tintarella, allora ogni periodo è buono.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Anche se la decisione di operarsi andrebbe rapportata anche alla sintomatologia, stili di vita, abitus costituzionale, ecc., sulla base dei dati forniti dall' ecocolordoppler l'indicazione all'intervento c'è. Avendo la possibilità di scegliere e per i motivi che Le sono già stati proposti, è senz'altro consigliabile eseguire l'intervento nella stagione fredda.
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Rodio
20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2000
Egregio Signore,

Il riferto dell'eco-doppler venoso degli arti inferiori dimostra la indicazione assoluta all'intervento chirurgico di safenectomia interna sinistra. Le stagioni migliori per affrontare il problema sono autunno, inverno e primavera.
Resto a disposizione per qualsiasi informazione.
cordialità,
dott. M.Rodio
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Scrivano
24% attività
0% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
un dato rilevante sarebbe stato quello relativo all'entità della dilatazione della safena sn alla crosse; questo avrebbe potuto escludere o meno ancje l'indicazione all'intervento con laser endovena.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Renato Casana
24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
Se valutiamo l’esame ecocolor-doppler venoso degli arti inferiori che lei ha eseguito, sembra poter porre l’indicazione ad un trattamento chirurgico della sua insufficienza venosa. Ma credo che l’esame debba essere corredato da una valutazione clinico-sintomatologica.
Tutto ciò è estremamente importante per conoscere la malattia varicosa:
a- A differenza delle patologie vascolari arteriose (carotidopatie, arteriopatie periferiche ed la patologia aneurismatica dell’aorta) il trattamento della malattia varicosa (varici degli arti inferiori) se non "complicata" può essere differita e programmata. Nel frattempo trattata con terapia “elastocompressiva” (calza elastica a compressione graduata) e “farmacologia” mediante impiego di vasoprotettori.
b- E’ importante valutare quale tipo di tecnica chirurgica adottare (safenectomia classica, stripping corto, trattamento laser, radiofrequenza, scleromousse..). Tutto ciò dipende da vari parametri oltre che clinico-strumentali anche anatomici (diametro safenico, presenza di varici alla coscia…).
c- E’ inoltre utile conoscere quali sono le tecniche anestesiologiche (anestesia plessica o spinale superselettiva…) Chi sarà l’Operatore, quale è la sua esperienza, cosa mi aspetta nel periodo post-operatorio, ecc...
A tutt’oggi credo che: l’affidabilità e l'esperienza dell’Operatore oltre che una attenta consulenza flebologica (per rendere noto al paziente in cosa consiste la malattia varicosa e pianificare con Lui un approccio al problema) sia fondamentale.
Cordiali saluti http://www.arcamedica.net

[#7] dopo  
Dr. Ruggiero Curci
24% attività
0% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
E' corretta l'indicazione chirurgica; tecnicamente non esiste un periodo "migliore" per effettuare l'intervento, semplicemente quando fa molto caldo è maggiore il disagio postoperatorio per il paziente.
La tecnica chirurgica più opportuna andrà valutata da chi effettuerà l'intervento. L'elastocompressione, a mio avviso, dev'essere mantenuta anche dopo l'intervento poichè questo non elimina la "predisposizione" all'insufficienza venosa cronica.
[#8] dopo  
Dr. Mario Forzanini
24% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2002
assolutamente d'accordo con i Colleghi che mi hanno preceduto, in particolare sulla necessità di tratare la safena. Sulla tecnica da utilizzare (chirurgica, miniinvasiva, endovascolare, scleroterapica con schiuma ecc) l'indicazione va valutata con un ecodoppler mirato e con le misurazioni dei diametri, della distanza dal piano cutaneo, dalla continenza della valvola terminale e preterminale, oltre che da una corretta valutazione clinica sulle condizioni generali e patologie concomitanti del paziente.
A mio parere, tolto il disagio della calza elastica, non esistono controindicazioni ad intervenire anche nei persiodi caldi.
[#9] dopo  
Dr. Sergio Losa
24% attività
0% attualità
8% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2005
I dati proposti dal referto dell'esame indicano una insufficienza valvolare della giunzione safenica.
L'indicazione o meno ad un trattamento chirurgico dipende anche dalla valutazione clinica (sintomatologia, estensione delle varici, dilatazione della safena, età, future e programmate gravidanze etc)
Il consiglio quindi è di non attenersi al solo dato strumentale.
[#10] dopo  
Dr. Salvatore Ferrari Ruffino
24% attività
0% attualità
8% socialità
MESTRE (VE)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
il referto ecocolordoppler sembrerebbe porre indicazione ad un trattamento flebochirurgico , anche se non parla dell'entità del reflusso ; MODESTO; IMPORTANTE; QUANTI SECONDI? SI TRATTA DI UN REFLUSSO LUNGO O BREVE?. Questo solo per dire che è importante il dato strumentale, ma lo stesso dovrebbe essere il più dettagliato possibile per poter decidere in merito al trattamento chirurgico. Come inoltre ha osservato qualche Collega molto importante è anche il dato sintomatologico che deve indirizzare o meno verso l'intervento. Una volta chiarite tutte queste cose è necessario valutare se si possano o meno utilizzare tecniche mininvasive come per esempio il laser, la radiofrequenza ecc.. che hanno degli ottimi risultati , assolutamente paragonabili se non a volte migliori rispetto all'intervento chirurgico tradizionale. molto importante però è anche l'operatore. l'esperienza con le varie metodiche è fondamentale per la migliore riuscita dell intervento stesso . per uqel che riguarda il periodo , di solito si cerca di evitare i mesi molto caldi ma più che altro per evitare disagio al paziente che di regola dopo l'intervento stesso deve indossare una calza elastica

cordiali saluti
www. istitutoflebologico.it
[#11] dopo  
Dr. Gianfranco Varetto
20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007

una considerazione la merita la giovane età del paziente.
spesso negli uomini le varici degli arti inferiori sono meno sintomatiche che nelle donne e si assiste talora a pazienti sportivi che hanno una massa muscolare ben sviluppata con varici evidenti. in molti casi l'ecd esprime un reflusso tronculare ma il paziente tollera discretamente i sintomi dell'insufficenza venosa.
questi elementi sono senz'altro pesabili con la valutazione clinica, anche se il dato strumentale depone comunque per una patologia che richiederà in tempi futuri un trattamento chirurgico.

in bocca al lupo!
[#12] dopo  
Dr.ssa Elena Gallinacci
20% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
SONO D'ACCORDO CON I CON I COLLEGHI CHE SULLA BASE DELL'ESAME È INDICATO L'INTERVENTO,
TUTTAVIA PER UNA CORRETTA INDICAZIONE CHIRURGICA E’ NECESSARIO TENER CONTO DI ALTRI PARAMETRI IN PARTICOLARE :SINTOMATOLOGIA E CORRETTA VALUTAZIONE CLINICA DELLE CONDIZIONI GENERALI E DI PATOLOGIE CONCOMITANTI DEL PAZIENTE ;INOLTRE IN PARTICOLARE L'ECOCOLOR VA INTEGRATO DA ULTERIORI PARAMETRI : DIAMETRI , CONTINENZA DELLA VALVOLA TERMINALE E PRETERMINALE CHE PERMETTONO DI FARE ATTENTE VALUTAZIONI ,. SULLA TECNICA DA UTILIZZARE (CHIRURGICA, MINIINVASIVA, ENDOVASCOLARE, ETC
.
A MIO PARERE, , NON ESISTONO CONTROINDICAZIONI AD INTERVENIRE ANCHE NEI PERSIODI CALDI ANCHE SE L'OBBLIGATORIETA' DELL’ELASTOCOMPRESSIONE POST- OPERATORIA .è SICURAMENTE UN DETERRENTE PER IL PZ
[#13] dopo  
Dr. Raffaele Prudenzano
44% attività
4% attualità
20% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentiele Utenza e colleghi,scusate il mio intervento tardivo!!
Innanzitutto concordo con molti di voi sul fatto che mancano molti "tasselli" importanti all'ECD sopra-riportato dal paziente.La descrizione dell'incontinenza è piuttosto "sommaria" e non dà assolutemente l'idea del tipo della patologia, con riferimento al "grading" e all'entità dell'incontinenza valvolare.
Non è descritto, sul referto,per esempio, se le varici di gamba sono in continuità diretta con l'asse safenico o piuttosto da un ramo collaterale o addirittura autonome; poi non vengono per niente menzionate eventuali perforanti incontineti Boyd,Shermann,Cokett,Dodd.Tutti questi "dati grezzi" possono meglio orientare una eventuale terapia chirurgica (classica o endovascolare con EVLT,RF,scleros ecc).Sarei oltretutto prudente (e il mio cognome stesso insegna ciò) nel consigliare un intervento in I intenzione con questi dati piuttosto "poveri".Poi diciamolo un vota per tutte: è la clinica del paziente che guida l'orientamento terapeutico medico, (elastocompressione,fisioterapico,dietetico) o chirurgico (CS).
Distinti saluti