Utente 187XXX
Sono una donna di 53 anni e dall'età di 16 anni mi si presentavano periodicamente attacchi di tachicardia ( che potevano durare anche una giornata ), all'età di 51 anni a seguito di un periodo di un'ingessatura che mi ha costretta a letto e di una situazione di stress familiare ho iniziato ad avere attacchi di panico e stati di ansia; tutto ciò ha determinato un'aumento della frequenza delle tachicardie che mi portavano ad andare spesso al pronto soccorso.
In una di queste volte un medico cardiologo mi ha consigliato di effetuare un'ablazione con la quale avrei risolto, a suo dire, il problema invece di rimanere legata a dei farmaci.
Dopo varie titubanze mi sono convinta a fare l'intervento, che ha avuto riuscita all'85%, dopo un paio di settimane ho iniziato ad accusare dei sintomi che non avevo mai avuto: dolori al petto, spossatezza, vertigini, confusione, e più avanti anche la sensazione di avere le orecchie leggermente otturate ( che sblocco con vari sbadigli ).
Tutto questo può ssere una conseguenza dell'ablazione effettuata?

Cordiali Saluti e grazie in anticipo per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non penso che tali sintomi abbiano niente a che fare con l ablazione che le è stata eseguita. Paiono sintomi da attacchi di panico. Cordialità.
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta, comprendo pienamente quello che dice, non è la prima persona che sostiene una possibilità di questo tipo, ma io stranamente non riesco a riconoscere queste come situazioni da attacchi di panico...non so come spiegarmi ma quando accusavo quel genere di problematiche quello che provavo era qualcosa di molto diverso a ciò che sto vivendo attualmente; gli attacchi di panico e ansia li riconoscevo e li affrontavo come tali, le sintomatologie che ho sopra descritte mi lasciano totalmente impreparata e le riesco a collegare solo a qualcosa di fisico più che piscologico...Io mi muovo prevalentemente in bici ( ora uso quella elettrica per la poca resistenza fisica che accuso ) e stranamente ho meno problemi quando mi sposto con tale mezzo che quando invece mi muovo a piedi, oppure quando mi trovo all'interno di locali ( tipo negozi o supermercati )... a causa di questo infatti non riesco più a fare una passegiata oppure ad andare per negozi.

Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Rimango della mia opinione. Buona serata. cecchini