Utente 187XXX
Buongiorno,
sto notando da un pò di tempo che la mattina non mi sveglio con il pene eretto. Premetto che vado subito ad urinare, che io sappia il pene eretto la mattina dipende anche da una questione appunto di accumulo di urina della notte...Durante la giornata, non ci presto molta attenzione, ma mi pare di notare di avere pochissime erezioni (Specifico pure che sono quasi 6 mesi che non ho un rapporto sessuale).
Ultimamente inoltre ho dolore al collo dei piedi, gambe e spesso ho formicolio e gambe addormentate...Posso avere qualche problema, non so di arti, che mi va ad inficiare anche sull' erezione del pene? Vi ringrazio e spero in una risposta, magari da parte di qualche andrologo di roma.
Fabio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
la assenza delle erezioni al mattino non è un dato preoccupante n quanto queste si verificano durante le fasi di sonno profondo e possono essere non percepite al risveglio. la vescica piena non è determinante.
le converrebbe valutare l'insieme della situazione e gli esami da fare durante una visita specialistica.
cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

le erezioni al risveglio possono essere legate a molti fenomeni; la loro presenza può essere considerata segno di una "buona" attività erettile ma la loro assenza o la loro scarsa percezione non significa che esistano dei problemi nei meccanismi deputati ad attivare e mantenere una erezione.
La concomitanza con altri segni quali abbassamento del tono generale, della libido, della necessità di avere erezioni ed eiaculazioni, della "voglia" di fare sesso potrebbero essere il segnale di qualcosa che non va e che dovrebbe essere analizzato da un andrologo che possa fare una diagnosi e consigliare la adeguata terapia
qualche informazione in più su www.andrologia.lazio.it

Cari saluti