Utente 188XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo di 22 anni di Milano. Il mio problema risale all'incirca un anno fà. Stò con una ragazza da ormai 2 anni, e ancora non siamo riusciti ad avere un rapporto sessuale completo. Ho passato per questo un intero anno alla ricerca di una soluzione, girando e rigirando per medici e ospedali. Lo scorso giugno, mi fu diagnosticata una fimosi al pene. Secondo l'andrologo che mi visitò, questo era il problema che mi impediva di avere il rapporto sessuale. Si decise dunque di fare una circoncisione. Arrivò finalmente settembre, e finalmente feci l'operazione di circoncisione. Per quanto riguarda il pene, ormai a 3 mesi dall'operazione, posso dire che è completamente guarito. Fatto sta che però il problema originrio è rimasto, ovvero ad oggi io non sono ancora riuscito a penetrare. Ora mi chiedo, possibile che si tratti di ansia da prestazione ??...e se così fosse, come posso affrontarla ??...il mio medico di base ha anche provato a darmi degli integratori (cialis, 10 mg) poichè oltre a non riuscire a penetrare, noto che se inizialmente ho una "bella erezione", quando arrivo sul momento di "agire" perdo l'erezione. A volte, non ho neanche il tempo di mettere il preservativo. Sono disperato, e la mia partner anche ovviamente. Ora, quale sarebbe la cosa migliore da fare ?.. come posso reagire a questo e come dovrei comportarmi ?...di cosa potrebbe trattarsi ??... in attesa di una vostra risposta, porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
seall'inizio lei ha una buona erezione, distante dalla penetrazione, che poi perde all'avvicinarsi della possibilità di penetrazione, è molto probabile che si tratti di ansia da prestazione. A maggior ragione se lei ha buone erezioni con lamasturbazione e buone erezioni spontanee di notte, o al risveglio la mattina. Suggerisco la verifica di questa mia ipotesi tramite una visita andrologica, che saprà poi come indicarle il percorso più adatto al superamento di questo problema.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

o lei, prima della penetrazione scarica un "scarica ansiosa" elevata che fa produrre al suo organismo una quantità elevata di adrenalina che chiude le arterie del pene bloccando l'erezione oppure lei ha un sistema venoso che non riesce a chiudersi in maniera adeguata impedendo il deflusso di tutto quel sangue che le sue arterie fanno arrivare nei corpi cavernosi dopo stimolazione sessuale
Consulti un andrologo, faccia le opportune indagini prima di prendere farmaci che potrebbero essere inutili
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
grazie per i consigli che mi avete fornito. Provvederò a fare una visita andrologica il prima possibile.
[#4] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
gentili dottori,

avrei un'ulteriore domanda da porvi che mi chiedo molto spesso e alla quale non saprei dare una risposta sempre riguardo al mio problema. La domanda è la seguente : è possibile che l'eccessiva masturbazione può essere causa o comunque può incidere sull'impotenza sessuale ??

In attesa di una vostra risposta, porgo distinti saluti.
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Una masturbazione eccessiva potrebbe rendere problematici i rapporti sessuali
cari saluti
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

non continui a farsi autodiagnosi ed a stabilire collegamenti di causa difficili da dimostrare ed infine, oltre alle indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#7] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile utente, i colleghi le hanno spiegato il meccanismo dell'ansia e la conseguente perdita dell'erezione.
Qualora la diagnosi venisse confermata da un andrologo di persona, ritengo che anche una consultazione psicologica potrebbe essere utile alla coppia.

Saluti,
[#8] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Vi ringrazio per le vostre risposte. Io e la mia partner abbiamo comunque ritenuto opportuno per il momento di sospendere l'attività sessuale per almeno qualche mese. Può essere positivo ?... nel frattempo mi affretterò nel fare le visite. Grazie ancora
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
la sospensione dell'attività sessuale è una decisione vostra, difficile definirla "positiva.

Comunque, fatta poi la valutazione specialistica ci aggiorni, se lo desidera.
[#10] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
ok... grazie mille !!!!