Utente 536XXX
Salve dottori, sono bloccato da lunedi a casa con l'influenza stagionale anche se la febbre da circa 2gg è andata via. Scrivo perchè sono esattamente 3 giorni che la mattina vengo praticamente svegliato da un dolore abbastanza forte al petto che a volte si irradia fino al collo/mandibola. Il dolore tende a sparire dopo circa 1h/1:30h restando a letto e non ritorna durante il resto della giornata. Volevo chiedervi se, come suppongo, il dolore sia una conseguenza dell'influenza e il perchè compaia solo in prima mattinata quando sono ancora a letto?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I dolori che riferisce sono comuni alla sindrome influenzale, purtuttavia se lei notasse che tali dolori si esacerbassero con la posizione sdraiata e si riducessero con la posizione seduta od eretta, consulti il suo medico per escludere una pericardite. Cordialità. Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 536XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore, il dolore non varia in base alla posizione, mi domandavo però come mai si presentava la mattina presto quando sono ancora a letto e non in qualsiasi momento della giornata?

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le cause potrebbero essere molteplici; la piu' probabile e' che si tratti di un'esofagite da reflusso che tipicamente compare nelle prime ore del mattino sia perche' in quel momento aumenta la secrezione acida sia perche' la posizione sdraiata favorisce il reflusso stesso. Ne parli con il suo medico per valutare l'opportunita' di una terpaia antiacida.
Cordialita' Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 536XXX

Iscritto dal 2008
Salve dottore, le scrivo per aggiornarla della situazione e chiederle un ulteriore suo parere.

Dopo 10gg dall'influenza di cui le dicevo sopra, ho avuto una brutta ricaduta con febbre alta (durata circa 2gg) accompagnata da una brutta tosse secca (referto rx torace parlava di accentuata brochite).

Il medico mi ha prescritto oltre antibiotico (augumentin 2 volte al giorno) e aerosol, benteal 1mg da prendere una volta al giorno per circa 10gg.

Visto che durante la ricaduta erano ancora presenti dei lievi dolori al petto al mattino(non paragonabili però a quelli avuti durante la prima influenza) sono andato per tranquillità in ospedale a fare un ECG.

L'ECG presentava delle anomalie e quindi il cardiologo mi ha sottoposto a ecocardiogramma. Il cardiologo mi ha parlato di una sospetta pericardite, solo che non riusciva a vedere bene il tutto a causa del bentelan che sto ancora prendendo. Mi ha prescritto quindi una volta finita la terapia di bentelan, 15gg di brufen 600mg 1 volta al giorno e di tornare da lui per una successiva visita munito di analisi con indici di flogosi.

Volevo chiederle se secondo lei la via intrapresa è corretta e in caso la cosa venisse confermata o no,se si tratta di una cosa grave. Mi chiedevo poi(questa è solo una mia curiosità) come mai il bentelan ne ha impedito una corretta diagnosi all'eco.

Grazie.