Utente 188XXX
Salve. Vi ringrazio per il servizio che offrite. Ho 23 anni. Ieri mi sono dovuto recare al pronto soccorso per paura di un infarto. Per tutta la mattina, da quando mi sono svegliato, avevo un senso di pesantezza al petto,un po di bruciore, ed un formicolio al braccio sinistro (a volte anche con bruciore), che aumentava quando facevo le scale. Poi questo formicolio è aumentato e l'ho avvertito anche al braccio destro ed a tutto il corpo, pancia e gambe, insieme ad affanno e ovviamente battiti cardiaci molto elevati... non riuscivo a stare in piedi. Al pronto soccorso appena arrivato, mi hanno misurato la pressione (160/100 mmhg).. e ho sentito che di saturazione avevo 100 e mi hanno detto che mi sono solo agitato e che è solo ansia. L'elettrocardiogramma me lo hanno ripetuto 4 volte, perchè per l'agitazione, "non veniva bene". L'ultimo, (ma non gli altri 3..in cui ero agitato) è quello che hanno consegnato al cardiologo, il quale ha detto che il cuore non ha problemi...e che probabilmente ho solo dei dolori intercostali. (ritenete che anche gli altri elettrocardiogrammi andassero osservati?) Tuttavia non mi spiego l'improvvisa comparsa di formicolio al braccio sinistro, che avverto ogni tanto, tutt'ora..in situazioni differenti, senza una apparente causa. Può darsi che io sia ansioso.. ma mi sembra strano, non avevo mai avuto sintomi di ansia. A cosa potrebbe essere dovuto? Naturalmente so che non è possibile una diagnosi a distanza, ma vi sarei grato se mi diciate comunque, con più probabilità cosa potrebbe essere. Aggiungo che forse ho preso del freddo, e che in questi due giorni ho avuto un po di febbre (massimo 37.5), raffreddore e forti brividi di freddo. Potrebbe essere tutto dovuto alla febbre? Una temperatura cosi bassa, può giustificare tali sintomi? Ovviamente mi sento anche molto debole, e la mente annebbiata. Grazie in anticipo per l'attenzione che mi dedicherete.

Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Il suo disturbo e' certamente legato ad uno stato ansioso.
Non e' chiaro in quanto non specificato se fuma o fa uso di droghe.
Il tabagismo (sigarette) o l'assunzione di droghe (cannabis, cocaina) possono incidere in maniera importante sul cuore e sulle coronarie...
In questo caso il discorso cambierebbe.
Diversamente stia tranquillo!

cordialmente
[#2] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio tantissimo per la sua risposta ed il tempo che mi ha dedicato. Dunque, fortunatamente non ho mai fumato in vita mia, e non ho mai assunto nessun tipo di droga. Ma quindi.. questi sintomi, anche se con bassa probabilità potrebbero essere un sintomo di problemi cardiaci, o precursori di un infarto?
Ho dimenticato di dire che il formicolio che avverto al braccio sinistro, a volte lo sento anche alla gamba sinistra. (e non sempre contemporaneamente). In questi due giorni, oggi compreso, spesso ho la sensazione che mi manchi l'aria, e di notte non riesco ad addomentarmi perchè sento i battiti del cuore al petto anche senza metterci la mano. Ed oggi mi capita spesso di avvertire giramenti di testa. Sono andato questo pomeriggio dal medico curante, il quale ha confermato che secondo lui si tratta di ansia.. e mi ha detto che passerà da sola. Posso stare tranquillo quindi?
[#3] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
e' solo ansia
[#4] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Vi aggiorno. Sono moto preoccupato. La febbre, ancora oggi, dopo, 11 giorni non mi è passata. Ho ancora 37.5. (per 11 giorni, è sempre stata costante, anche all'esordio era 37.5) Può mai esserci una febbre che dura cosi tanto? Per quanto riguarda il formicolio, ogni tanto lo sento ancora, ma domenica scorsa mi sono recato di nuovo al pronto soccorso, perchè sentivo anche la parte sinistra del viso fredda e mal di testa solo a sinistra. (braccio sinistro, gamba sinistra e viso sinistro) Mi hanno fatto una tac cerebrale, e visita neurologica e non è uscito niente...mi hanno detto che è solo ansia. L'ansia può dare sintomi solo a sinistra? Secondo voi è possibile? E poi una radiografia al petto,e visita internistica e neppure li niente. Altro elettrocardiogramma e niente neppure li. Il medico mi ha ordinato gli esami del sangue, e i valori non normali sono:

"Valore ematocrito 41.4 (minimo normale 42) HDW (DISTRIB.CONC. DI HB NEI RBC) 2.19 (minimo 2.30) colesterolo totale 210 (min norm 200)mentre colesterolo LDL 128 è normale. Sideremia 58 (min 65) ALP FOSFATASI ALCALINA 36 (min 50) poi glucosio nelle urine 0,7 mentre dovrebbe essere assente. EPSTEIN BARR - VCA IGG 223 (normale se < 20) mentre EPSTEIN BARR - VCA IGM assenti. "

Il medico curante dice che non ho niente e che il valore VCA IGG indica solo che in passato, anche alcuni anni fa ho avuto un'infezione virale (che virus?) ma oggi non ho niente, perchè il valore IGM è zero. Ma allora da cosa dipende questa febbre che non vuole passarmi? Può esserci una febbre che dura cosi tanto, e con una temperatura fissa per tanti giorni? Ho ancora ogni tanto brividi di freddo, soprattutto la sera, come se avessi febbre alta.E la sera spesso ricompaiono anche il formicolio agli arti di sinistra e a volte la sensazione al viso...anche se di meno. Stare 11 giorni sempre coi brividi di freddo, non è piacevole. Anche la vista, mi sembra che sia un po calata.
Altra domanda : la tac cerebrale che ho fatto, per giunta anche in un momento come questo, con difese immunitarie molto indebolite (mi sento molto debole), può essere rischiosa? Mi scuso per la lunghezza, ma vi sarei grato se mi rispondeste alle mie domande. Sono molto preoccupato. Grazie mille in anticipo.

[#5] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Dimenticavo, ho anche detto al medico di farmi fare gli esami del sangue con marcatori tumorali, e mi ha prescritto FT3 (4.22 pg/ml) ft4 (1.37 ng/dl) tsh (3.51 mlU/l) cea (1.30 ng/ml) che sono tutti nei valori normali. A questo punto, non so proprio cosa pensare. Non mi era mai successo che la febbre durasse cosi tanto, ne di stare cosi debole a lungo.
[#6] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,vedo che avverte problematiche diverse che la preoccupano.Da premettere ( come anche detto il collega)che occorrerebbero maggiori informazioni sulla sua storia clinica,sulle sue abitudini di vita ( escluso già quello che ha detto) e se questi sintomi hanno avuto inizio in un periodo particolare della sua vita.Al di là dell' esistenza di un qualcosa che le scatena questi sintomi ( non "mentale"), c'è il suo reale "stare male" con la preoccupazione che questo le porti in un circolo chiuso di paure e sintomi.Se la sua preoccupazione è il cuore, faccia una visita specialistica da un cardiologo, magari un holter pressorio delle 24h e le consiglio analisi per la funzionalità tiroidea. Il formicolio al braccio, potrebbe derivare da problemi del tratto cervicale: "atteggiamneto rigido" del rachide cervicale, protusione discale, posture "anomale" , ad esempio.La qualità del sonno è importante e fondamentale, una corretta alimentazione ed una buona attività fisica.Per i sintomi della spossatezza, può far uso di "buoni" integratori (car-go, resvis forte,carnitina, ad esempio).
Se i sintomi dovessero avere una connotazione prevalentemente "psichica" ( una volta escluso cause organiche), potrebbe pensare ad un consulto da uno psicologo.
Le porgo cordiali saluti e rimango a sua disposizone.
[#7] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la sua attenzione, il tempo dedicatomi e la sua risposta. Dunque tutto questo non è coinciso con eventi stressanti.. era un periodo normalissimo. Ho passato di peggio, senza mai avere sintomi di questo tipo. La mia preoccupazione è questa febbre soprattutto. Oggi sono 12 giorni, ed è sempre costante. Com'è possibile? Non indica che c'è qualche infezione nell'organismo? E poi la avverto.. con i classici sintomi correlati alla febbre, stanchezza (che avverto per la febbre, mentre 12 giorni fa stavo bene) e poi brividi di freddo e mal di testa. Francamente io non credo molto a questo fatto dell'ansia. Forse è una componente, ma ci deve essere altro, perchè sintomi del genere non li ho mai avuti. Il formicolio non è solo al braccio, ma anche alla gamba,e poi ogni tanto sento la parte sinistra del viso fredda, insieme a mal di testa, a sinistra. L'ansia può dare sintomi solo a sinistra del corpo? Può dipendere dal cuore? Il fatto che abbia il colesterolo totale alto, (210) (ma colesterolo LDL 128) può darmi problemi, e magari ho una semi-occlusione dei vasi nel cervello? Le mie abitudini di vita: faccio poca attività fisica anche se cammino abbastanza ed esco in bicicletta, studio, e forse mangio poco (peso 51 kg, ma pesavo 53 prima di questa febbre). Il mio peso è stato sempre questo... mai superato nella mia vita, e sono sempre stato bene complessivamente.
Devo fare altri accertamenti, ed esami del sangue, per escludere altri virus? Se un virus colpisce il sistema nervoso centrale, può dare i sintomi che ho avuto? Per quanto riguarda la tiroide, ho fatto degli esami del sangue, i cui valori (ft3 ft4 tsh) li ho riportati sopra. Quali altri esami è consigliabile fare?
Vi ringrazio tantissimo per il servizio che offrite. Buona giornata.
[#8] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Dimenticavo, 51 kg e l'altezza è 1,68 m . Ma non ho problemi nel mangiare... sono sempre stato cosi.
[#9] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, a parte il peso, inferiore alla "norma", il colesterolo alto, và tenuto sotto controllo ed è auspicabile una riduzione di esso (come si può vedere è indipendente dal peso corporeo). Ripeta le analisi: emocromo,transaminasi,ck,elettroliti,VES,PCR,TAS,QPE,es urine, per maggiore tranquillità. Si evince una riduzione del ferro ed una pregressa positività all'EB ( mesi?).Da premettere che in un organismo "debole" alcuni sintomi possono persistere anche per molto tempo: astenia, dolore agli arti, febbre,cefalea.Dalla visita non ha problemi cardiologici e la TC è negativa e questo può tranquillizzarla. Le consiglio di ripetere le analisi ( tralasciando l'holter pe il momento), di sottoporsi ad una visita internistica e di intrapendere una corretta alimentazione ( qualitativa e quantitativa),con eventuale integrazione ( vit, ferro ecc).Stia tranquillo per quanto riguarda i sintomi "cardiologici", non ci sono elementi per poter sospettare una patologia( soprattutto perchè ha fatto una visita medica ed ECG),ciò non toglie che per i valori di pressione riscontrati è utile un holter pressorio.
Rimango a sua disposizione.
Cordiali saluti.
[#10] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie dottore. Il colesterolo non capisco da cosa possa dipendere, visto che non mai mangio salumi e formaggi, (ho poco tempo) ma invece spesso, pasta, riso e naturalmente pane. Cercherò di eliminare il latte intero sostituendolo con quello parzialmente scremato, ma forse il problema principale è l'attività fisica e sportiva che dovrei fare ogni tanto. L'infezione pregressa che il valore VCA IGG (223) riporta, io l'ho scoperta solo ora, e non so quando l'ho avuta. Di certo, nei mesi scorsi non ho avuto episodi febbrili. L'ultimo risale all'inverno scorso. Quanto alla durata, negli anni scorsi, la febbre mi durava massimo 3-4 giorni, a volte anche meno, nonostante magari avesse un esordio iniziale di 39. Questa invece, ha avuto un esordio con 37,5, e cosi è rimasta, sempre invariata per 12 giorni, compreso oggi. La visita specialistica internistica (anche se veloce) me l'hanno fatta, in ospedale su richiesta del pronto soccorso dove mi sono recato. Ma non ha riscontrato nulla. Vedo di tornare dal medico curante e farmi prescrivere queste analisi che mi ha consigliato. Per quanto riguarda gli anticorpi per il virus, che mi hanno trovato, è necessario fare ulteriori esami? Posso essere sicuro che il virus sia stato eliminato dall'organismo in passato? Il valore di 223 U/ml del VCA IGG può essere normale? Ho sentito che alcuni virus possono provocare delle neoplasie. Gli esami che ho fatto sono sufficienti per stabilire che non ho più l'infezione? (VCA IGM assenti)
Grazie ancora per l'aiuto.
[#11] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
ha avuto un'"infezione" con il virus EB, che , in un organismo immuno-competente,tende alla risoluzione spontanea. Spesso capita che i sintomi,ad esso legati, perdurino per qualche tempo, anche qualche mese, ma poi tendono a risolversi.Non pensiamo al "difficile" o al poco "probabile" se pur non impossibile, ma cerchiamo di "controllare" ciò che dipende da noi: stile di vita, alimentazione ecc.Per il "problema" colesterolo alto ( se pur di poco), non dipende eventualmente da quello che mangia, ma da fattori "endogeni", ad una lieve predisposizione ad averlo un pò più alto del normale ( nel suo caso, come da analisi).Una corretta alimentazione, non deve solo tener conto della quantità di grassi ingerita ( anche i lipidi hanno una loro importanza), ma all'equilibrio tra: carboidrati,proteine,lipidi,vitamine... ed introito complessivo di calorie adeguate all'età,all'attività fisica,al lavoro, al "tipo costituzionale"... Potrà controllare tra qualche tempo il suo colesterolo totale, le lipoproteine (HDL,LDL) come ha già fatto, ma con tranquillità.Valgono ,per il resto, i consiglia che le ho dato sopra.
Le rinnovo i miei più cordiali saluti.
[#12] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Salve. Oggi, sono 15 giorni ormai, che ho questa febbre persistente di 37,5. L'esordio iniziale è stato sempre di 37,5 e cosi è rimasta. Ho anche un gonfiore sotto l'ascella sinistra che si prolunga fino al capezzolo sinistro. E mi da un po fastidio.. e a volte dolore. Il medico curante lo ha visto e dice che non è niente. Io sono terrorizzato. Mi sento debole.. a volte mi sembra di cadere. Ho paura di avere qualche tumore... o malattia grave. Gli esami del sangue li ho fatti una settimana fa, e i valori non normali li ho riportati nei commenti precedenti. E' da tre giorni che prendo l'antibiotico zitromax ma non mi ha fatto scendere la febbre neppure di un decimo... anzi, oggi mi è aumentata, 37,6. Domani vado da un altro medico. Cosa mi consigliate di fare?
[#13] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
occorre una dose di tranquillità. Consulti il medico che le saprà indicare le analisi e le indagini giuste.Oggi vi è la possibilità di una diagnosi precisa e di eventuali cure efficaci, se sarà il caso, ovviamente.
Attendiamo la visita di domani ed eventuali consigli. Li valuteremo insieme.
Cordiali saluti e rimango a sua disposizione.
[#14] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie. Il medico curante, ha visto il gonfiore venerdi e dice che non ci sono linfonodi ingrossati, ma io mi sento la parte gonfia ed indolenzita. Domani vedo di farmi prescrivere una ecografia alla zona ascellare... e una ecografia all'addome per capire da dove proviene questa febbre. Il medico curante continua a tranquillizzarmi... ma come faccio a stare tranquillo? Non è normale che la febbre duri per 15 giorni, e non scenda neppure con l'antibiotico. Vorrei fare tutti gli esami velocemente, ma sono i medici stessi a farmi aspettare e a tranquillizzarmi. Il medico curante mi ha anche detto di prendermi un po di anti -piretici..come se il problema fosse la febbre stessa, e non le sue cause. Domani vado da un altro medico di base, e cerco di insistere per farmi fare tutti gli esami. Grazie... e scusate lo sfogo.
[#15] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Lei ha tutto il diritto di "sfogarsi". Fa bene ad eseguire dei controlli per questa febbre ed ulteriori indagini.Agire nel migiore dei modi e fare tutto ciò che si ritiene necessario.
Attendo sue notizie.
[#16] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Sono andato da un altro medico curante.. e mi ha visitato.. e non ha trovato nulla. Oggi però ho un sintomo nuovo.. sento un forte sapore amaro in bocca. E ho letto che può dipendere dal fegato. E poi ho letto i sintomi del tumore al fegato... e parla anche di febbre. Sono terrorizzato. Voglio fare una ecografia al fegato.. e all'addome.. per capire da dove viene questa febbre che dura da 20 giorni.. ma me l'hanno prenotata privatamente per giovedi. Dove mi posso rivolgere per anticipare i tempi? devo chiedere un ricovero? cosa devo fare? Ho una paura assurda. Sono letteralmente terrorizzato. sto sentendo anche delle fitte alla pancia..a destra in basso...proprio vicino al fegato. E poi nella mia regione.. in puglia, per scoprire se hai qualcosa di brutto, ci mettono tantissimo a farti gli esami. Prima una persona la fanno morire.. e dopo gli fanno gli esami.. quando ormai è troppo tardi. Aiutatemi!!!
[#17] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Sta entrando in un circolo chiuso.Non capisco il perchè di questa sua eccessiva preoccupazione, pur capendo che per lei è comunque causa di ulteriore ansia e paure.In Puglia, come in altre regioni d'Italia, ci sono ottimi medici. Le ho consigliato, per sua tranquillità, di chiedere alcuni controlli del sangue ed eventualmente ( vista la sua preoccupazione) un'ecografia dell'addome. Ma stia tranquillo, esegua questi esami con tranquillità, del resto due medici non hanno trovato niente di preoccupante.
Rimango a sua dispoizione e le invio cordiali saluti.
[#18] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Salve. Allora, ho eseguito l'ecografia all'addome, due volte, da due medici diversi e non mi hanno trovato niente. Ormai ho la febbre da 21 giorni. Ho fatto gli esami del sangue per cercare virus, e sono risultato positivo al Micoplasma pneumoniae (igg 7,6 e igm 19,2 ..valori di riferimento: fino a 10) quindi supera di solo 9,2 i valori di riferimento. Può darsi che NON sia questa la causa della febbre di 21 giorni, che è sempre stata su 37,5? (ultimamente sta un po aumentando.. 37,7)Non ho neppure tosse, o raffreddore.. solo un po di catarro, ma molto raramente. Ho letto su internet i sintomi, e dice che può anche dare sintomi neurologici, e quindi mi sono spiegato tutti quei sintomi terribili, il formicolio ecc ecc, (vi invito a leggerli sopra) e i valori dolori che ho nel corpo, (vicino al fegato) che forse sono delle neuropatie periferiche. (può essere?) Ho preso per 3 giorni lo zitromax, una compressa al giorno, e non mi ha fatto nulla. MA PROPRIO NULLA. E ora sto prendendo Klacid compresse 500mg 2 volte al giorno, ma la febbre sta sempre li... e mi sento sempre male, e debole. Cosa devo fare? Ho letto che può anche durare per mesi quest'infezione.. se è cosi mi distruggerà completamente. Cosa mi consigliate? Qualche altro esame da fare per altri virus? (per ora ho cercato solo Epstein barr igg 192 (igm assenti) clamidia pneumoniae assenti, cytomegalovirus assenti, adenovirus igg presenti, mentre igm assenti, poi ho fatto anche la Beta 2 microglobulina ed è a 1,11 ... e poi anche HIV negativo. (il medico me lo ha fatto fare..anche se non ho mai avuto rapporti a rischio) Cosa mi consigliate? io forse non sono più disperato, perchè ho fatto molti accertamenti, anche se lo stomaco e l'intestino non li ho controllati, e sento uno strano sapore amaro, molto pesante in bocca. Potrebbe essere l'antibiotico? Allo stomaco non sento niente, mentre per quanto riguarda l'intestino, sono a volte stitico e a volte un po meno. (stitico lo sono sempre stato) Il CEA era a 1,30 ..posso stare tranquillo? Sono però stanchissimo.. non ne posso più. E' da 21 giorni che sto malissimo, cosa mi consigliate? A chi mi devo rivolgere? Quanto mi potrà durare questa febbre e questa debolezza estrema? Grazie mille per il vostro aiuto. Vi prego di rispondere, se possibile, a tutte le mie domande, perchè sono veramente preoccupato. Grazie ancora.
[#19] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non è una patologia neoplastica, ha fatto diversi esami. Unico dato è l'infezione da Mycoplasma. Ha consultato vari medici, e l'unico riscontro è la presenza di questo piccolo batterio che da delle infezioni all'apparato respiratorio ( alte e basse vie). La terapia è corretta, non si possono dare i beta lattamici per la caratteristica strutturale del batterio. E' un'infezione ch esicuramente và eradicata e forse ci vuole del tempo. Altro non è stato riscontrato. Può anche consultare un pneumologo o infettivologo, ad esempio. La terapia antibiotica è l'unica strada per eradicarlo.
Cordiali saluti e rimango a sua disposizione.
[#20] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille. Ho letto che questo batterio, anche per la sua struttura e piccole dimensioni si comporta come un virus, e si nasconde al sistema immunitario. (difatti gli anticorpi che ho nel sangue, mi sembrano pochi, e lo ha notato anche il medico) Direi che i sintomi che può dare sono sorprendenti. Mi ha dato persino una sindrome neurologica alla parte sinistra del corpo, insieme a tanti altri sintomi neurologici preoccupanti, che ora sono spariti. Non può essere stato altro a provocarli, perchè fino a un mese fa sono sempre stato benissimo, e a quanto pare è avvenuto tutto nel contesto di questa infezione, e di questa febbre persistente. Sono contento di aver trovato finalmente la causa. Quel fastidio al fianco destro poi è passato, ma da oggi, nella zona, ho notato un'infiammazione della pelle...che spiegherebbe il fastidio di giorni fa. Ed ho letto che questo virus può anche dare problemi alla pelle. Insomma, di tutto e di più. Ieri per sbaglio ho preso molto freddo, e la febbre per la prima volta è salita a 38,5, e a quanto pare è servito a bruciare un po il virus, perchè oggi per la prima volta dopo 22 giorni mi sento meglio. Se avessi saputo, lo avrei fatto di proposito prima, invece di coprirmi scrupolosamente. Credo quindi che la medicina dovrebbe interessarsi maggiormente alla stimolazione artificiale del sistema immunitario, perchè questo risolverebbe molto più velocemente tante malattie. Non credete? So che ci sono numerose ricerche in proposito. Grazie mille davvero per i consigli.. e spero di guarire presto. Dubito che dimenticherò questa esperienza, che se non altro, è servita a riflettere sulla estrema fragilità della vita umana. Buona giornata.
[#21] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
ha ragione sul potenziamento del sistema immunitario: malattie neoplastiche ed infettive avrebbero vità più difficile( ci sono numerose ed interessanti ricerche al riguardo). Non pensi alla fragilità della vita umana, ma a vivere con serenità e voglia di fare.
Talvolta le soluzioni sono semplici senza andare a cercare cose difficili e quelle più gravi.Il medico deve indirizzare il paziente, ma soprattutto ascoltare i sintomi che riferisce.
Le invio cordiali saluti ed un augurio di pronta guarigione.
[#22] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie. Un'ultima domanda. Siccome i sintomi alla parte destra dell'addome, persistono, e non sono sicuro della loro natura, volevo chiederle un parere sulle analisi del sangue.
Transaminasi - GOT 16 U/l (valori normali 5 - 40)
Transaminasi - GPT 15 U/l (valori normali 5 - 40)
ALP Fosfatasi alcalina 36 U/l (valori normali 50 - 130)
Sideremia 58 mcg/dl (v.n. 65 - 170)
Gamma - GT 18 U/l (v.n. 10 - 50)
TSH 3,51 mIU/l (v.n. 0,40 - 4,00)


Un valore basso della fosfatasi alcalina da cosa può essere determinato? Può essere sintomo di problemi al fegato, e spiegare questo indolenzimento, fastidio alla parte destra dell'addome? All'ecografia mi hanno detto che ho un fegato grasso, (ecogenicità steatosica). Mi consiglia altri esami del sangue? Le occorrono altri valori? Se si, glieli posso copiare tutti, quelli già fatti. Grazie ancora, per il vostro servizio.
[#23] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
le analisi le può ripetere una volta risoltasi la febbre. Abbiamo un pò il ferro basso, che con una corretta alimentazione ( o eventuale suppoorto),dopo risoltasi l'infezione, tornerà tutto nella norma. Pe rla steatosi epatica,una corretta alimentazione e poi un controllo.
Cordiali saluti.
[#24] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Salve. Dopo 25 giorni, la febbre è ancora li. E si sta aggiungendo un po di tosse...anche se tossisco raramente. E poco fa, mentre tossivo, ho sentito un dolore alla testa, solo a sinistra. E cosi ho pensato al fatto che giorni fa avevo mal di testa a sinistra, e formicolio a tutta la parte sinistra del corpo, compresa la parte sinistra del viso. Questo sintomo mi è passato, ma oggi durante il colpo di tosse, ho sentito dolore a sinistra.. e non mi ricordo di aver avuto mai dolori di testa quando in passato tossivo. Ma che mi succede all'improvviso? Ho poi provato a tossire ancora, e sento sempre lo stesso dolore, nel momento della tosse. E ora, dopo aver tossito 3-4 volte, volontariamente, sento la testa stanca e "stonata" a sinistra. Alla tac mi hanno detto che non è uscito nulla... ma io sono preoccupato. Ve la posso inviare, cosi mi date il vostro parere? Scusate ma, tutti questi sintomi mi stanno facendo preoccupare. Sento ancora a volte un piccolo strano dolore in testa a sinistra. Cosa mi consigliate? Potrebbe essere tutta colpa del micoplasma che ha infiammato qualche arteria? Mi pare che più aumenta il dolore alla parte sinistra della testa, più mi sembra di avere formicolio al braccio sinistro. Non ne posso più di questi sintomi...mi terrorizzano. Grazie
[#25] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Ormai la febbre, persiste da 51 giorni sempre su 37,5, e di sera a volte sale a 37,8, e persiste anche una debolezza molto forte e una sensazione di mente stanca. La VES è bassa...e questo induce i medici a tranquillizzarmi. Per il micoplasma, ho fatto una cura con l'antibiotico Klacid 500mg 2 cpr al dì per 15 giorni, ma la febbre non diminuisce...e dalle analisi del sangue rifatte, il micoplasma sembra sparito, e in una analisi dell'espettorato, non è stato trovato.
Nelle analisi del sangue poi risultano questi valori EPSTEIN BARR VCA - IGG 223 e IGM ASSENTI e ripetendo gli esami dopo 9 giorni, le igg sono scese a 192. Un medico mi ha detto, in tutta sicurezza che essendoci stata una variazione delle igg in pochi giorni, potrebbe trattarsi di una riattivazione della mononucleosi, che non determina un aumento delle IGM. Vi risulta? Concordate?
Fino a un mese e mezzo fa stavo benissimo. Mi consigliate di fare altri esami? Servirebbe una risonanza magnetica al cervello o altri controlli all'intestino? (per dei crampi e dolori e un cambiamento delle abitudini intestinali, ho fatto una colon scopia, e non è risultato nulla) La mia paura è sempre stata di avere qualcosa di grave al cervello o all'intestino, e che diano questa febbricola. Posso stare tranquillo? La tac al cervello rileva sempre gli addensamenti e le patologie gravi? E poi, è normale che la febbre duri 51 giorni e non accenni a diminuire? quanto possono durare la febbre e i sintomi da micoplasma? E quelli da mononucleosi? Grazie mille, per l'attenzione che mi dedicherete, e mi scuso per il mio essere stato prolisso, ma sono molto preoccupato. Cordiali saluti
[#26] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
una febbre che duri così a lungo, sicuramente è da approfondire. Difficile però che vi sia una patologia "grave" e che in tutto questo tempo, non abbia dato "segno di se" dalle indagini svolte. Per questo starei più tranquillo,sottoponendomi a dei controlli di "routine": emocromo, transaminasi...,PCR,QPE ...ecc.
Sicuramente il suo "cervello" non ha niente di patologico. Per una sua traqnuillità e per il persistere della febbricola, farei dei controlli periodici.

Cordialmente.
[#27] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio tantissimo per la sua risposta. Ho fatto molti esami, anche per la ricerca di virus, (tra cui, mononucleosi, cytomegalovirus, claminia, toxoplasma, micoplasma, HIV, adenovirus e sono anche stato ricoverato in ospedale per accertamenti, ma i medici non sanno cosa dire. Gli esami del sangue, ripetuti più volte, non hanno quasi nessun valore fuori norma. Ves 14, valori di riferimento "fino a 20" prc (0,05 rif 0,02 - 0,50) e transaminasi (GOT 16 (rif 5-40), GPT 15 (rif 5-40) GAMMA gt 18 (rif 10-50) alp-fosfatasi alcalina 36 (rif 50-130)) Ho eseguito anche ecografie del collo e dell'addome. E mi hanno trovato dei linfonodi ingrossati, e facendo il confronto con una ecografia del collo, effettuata 10 giorni prima, l'ecografo ha scritto "una delle formazioni linfonodali laterocervicali a sinistra appare aumentata di dimensioni (diametro massimo di circa 14 mm) con morfologia più globosa." Ha inoltre scritto che la tiroide è un po ingrossata, tuttavia negli esami del sangue, ft3 4,22 (rif 2,4-4,5) ft4 1,37 (rif 0,75-2) e tsh 3,51 (rif 0,4-4,0), sono nella norma.
I medici stanno tutti a tranquillizzarmi e dicono che non ho nulla. La febbre è cominciata due mesi fa, con 37,5, e cosi è rimasta. Sto esattamente come due mesi fa, non è cambiato nulla, (e forse è anche un buon segno, sempre meglio che peggiorare) a parte forse il fatto che prima avevo più spesso mal di testa e mal di gola, ed ora forse un po di meno. Ho fatto anche un tampone faringeo ed è negativo, ed uno uretrale positivo all'enterococco, ma non mi hanno dato antibiotici perchè dicono che non avendo io sintomi urologici, deve trattarsi di una contaminazione dall'intestino. E comunque ho preso il rocefin per 5 giorni e il klacid per 15. Mi sento ovviamente molto stanco e ho sempre dolori muscolari od ossei, sparsi nel corpo, ma passeggeri, durano un giorno e poi vanno via, e cambiano zona. Inoltre sento le gambe molto deboli.
Hanno scritto che questi linfonodi sono di origine reattiva. Ma l'ecografia può stabilire con certezza la natura dei linfonodi? Non mi fanno male, ma toccando il collo, li sento. Se gli esami del sangue sono buoni, posso stare tranquillo, o è bene fare una biopsia del linfonodo per escludere che si tratti di linfoma? Inoltre lei concorda col medico ospedaliero che mi ha detto che la mononucleosi può riattivarsi, e provocare solo un aumento delle IGG pur rimanendo le IGM assenti? Ed in tal caso come si accerta la diagnosi di mononucleosi? Mi scuso se sono prolisso, ma come può immaginare, è difficile non preoccuparsi. Grazie ancora.

EDIT
Ho dimenticato di dire che, oltre a questi sintomi, ho anche delle frequenti sudorazioni notturne, e mi sembra che anche i linfonodi inguinali siano ingrossati. Ho avuto anche tachicardia alcuni giorni fa, (insieme a una sensazione di oppressione al petto, e di una restrizione dell'esofago, e sentivo che qualsiasi cosa inghiottivo scendeva con difficoltà e rimaneva sospesa a metà esofago) ma dall'ecocardio è risultata solo una lieve insufficienza valvolare mitralica, e poi con la gastroscopia mi hanno diagnosticato una gastrite ipersecretiva ed una esofagite da reflusso e i medici mi hanno detto che potrebbe essere dovuta allo stress, all'ansia e alla preoccupazione per questa febbre. Ma a me, sembra improbabile. Rinnovo comunque le domande del precedente intervento, sulla natura del linfonodo e sulla mononucleosi con IGM assenti. La ringrazio infinitamente per l'attenzione che mi dedica ormai da 2 mesi, in questo consulto.
[#28] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
..
[#29] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
l'ecografia ci da indicazioni "visive" dei linfonodi e non citologiche, ovviamente. Le analisi del sangue sono normali e questo è un dato che può essere d'aiuto e può farla tranquillizzare. Per qaunto riguartda i virus da lei indicati, la sintomatologia può durare anche per mesi dall'inizio del contagio e le IgG sono le classi di immunoglobuline che compaiono in un secondo momento, ma che conservano memoria immunologica anche dopo anni.Le IgM non compaiono per un tempo uguale ad una seconda reinfezione ( anche "endogena"), comaprendo precocemente le IgG di memoria e talvolta con una "monoclonalità".Le immunoglobuline (non specifiche), la PCR,VES, sono nella norma, così anche gli anticorpi antitireoglubulina ed antiperossidasi ( per la tiroide). Le consiglio , naturalemnte, di sottoporsi a controlli successivi e ad una visita di controllo.


Cordialmente.
[#30] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la sua risposta. Quindi secondo quanto ha scritto, avendo io le IGM della mononucleosi assenti, non dovrei avere mononucleosi in questo momento, e quindi il medico dell'ospedale, si sbaglia a dire che potrei avere una riattivazione della stessa? Ed allora, come si fa a capire che cos'ho? Esistono infezioni da virus sconosciuti, che possono durare quanto la mononucleosi? Quanto ai linfonodi, ho ricordato che negli esami del sangue fatti un mese fa, è presente anche la beta-2 microglobulina, ed è a 1,11 (valori normali 0,9 - 2,7). Ho letto che questo valore si altera in caso di linfomi. Posso stare tranquillo quindi? O la sua normalità non esclude la presenza di linfomi? Ho letto che i marcatori sono aspecifici e poco sensibili, tuttavia il mio valore è molto basso, quasi al limite inferiore. Pensa che posso quindi stare tranquillo? (in ospedale mi hanno anche fatto altri esami del sangue con marcatori tumorali come il Cea (ed era a 2) e il tpa di cui non ricordo il valore...ma erano tutti negativi. ) Essendo le EPSTEIN BARR - VCA IGM assenti, esclude categoricamente quindi che io possa avere una riattivazione della mononucleosi? Ho anche letto che questo virus va eradicato completamente, perchè pericoloso a lungo termine e possiible causa di tumori. Come posso accertarmi della sua eliminazione? Tuttavia ho anche letto che il 90% della popolazione mondiale ha avuto infezioni da Epstein Barr, e in molti casi il virus continua a vivere nell'organismo indisturbato a vita. Quindi se fosse cosi pericoloso, avremmo una strage. Un'ultima cosa mi preoccupa: insieme a questa febbre, sono comparsi anche dei sintomi che a me sembrano neurologici, e cioè debolezza delle gambe, formicolio all'emisoma sinistro (che è durato una settimana ed è passato, ma non l'avevo mai avuto in vita mia) sensazione di punture di aghi e bruciore al fianco destro, anche questo passato. Mentre la debolezza alle gambe è rimasta. A volte mentre guido mi sembra anche di premere i pedali o troppo forte o troppo piano, come se avessi perso in parte i riflessi e la sensibilità, ed è abbastanza strano a 23 anni. Tutto è cominciato insieme a questa febbricola, ed è per questo che mi sono subito preoccupato molto. Possono essere sintomi influenzali, dovuti a questo virus? Grazie mille ancora. Le sono infinitamente grato per le sue risposte e per la sua gentilezza.
[#31] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Il virus EB, non va eradicato perchè non vi sono attuali terapie per "eradicarlo", è una malattia "autolimitante" in soggetti immunocompetenti. E' pur vero però, che queste infezioni,possono dare sintomi anche dopo qualche mese che tendono però a regredire spontaneamente.La poisitivà alle IgG è dovuta ad una risposta immunitaria di memoria che aumenta precocemente rispetto al primo contatto dove "intervengono" le IgM e dopo qualche tempo le IgG,più specifiche e dotate di memoria immunologica (semplificato ovviamente).Un secondo contatto ( anche "endogeno"), è caratterizzato da precoce ( se pur dopo qualche tempo, ma comunque inferiore al primo contatto) intervento delle IgG, e scomparsa delle IgM più rapida( che comunque vengono "prodotte").Non vorrei che,leggendo su internet i sintomi (compresi quelli neurologici), stesse somatizzando ( avrà sicuramente letto la sintomatologia su internet e "dimenticato" di dirlo). Nel dubbio (anche di un consulto on line), se i sintomi dovessero persistere, può chiedere una visita neurologica ,ma così sarà un continuo (non penso ci sia niente di alterato , ma naturalemnte, non posso averne la certezza).Esegua controlli di routine e clinici tra qualche tempo,così per una sua sicurezza e per dirimere ancora qualche dubbio. Capisco che i sintomi li ha e sono realemnte presenti,ma talvolta si possono acuire per una maggiore "preoccupazione".

Cordialmente.
[#32] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie infinite per la sua cortesia e l'attenzione che mi dedica e con cui risponde alle mie preoccupazioni. Grazie soprattutto per il credere che i sintomi che riferisco siano reali, perchè più di un medico mi ha detto di non misurare più la febbre, di buttare il termometro e di non preoccuparmi dei sintomi...tuttavia a me sembrano molto reali, seppur sopportabili, ma comunque fastidiosi.
La visita neurologica l'ho già fatta un mese e mezzo fa, (dopo 15 giorni dalla comparsa della febbre)in pronto soccorso, insieme ad una tac del cervello, perchè un giorno mi spaventai per il formicolio solo a sinistra, e andai in pronto soccorso. Ma i medici dissero che non è risultato nulla, ed anche la visita neurologica non ha rilevato alcun disturbo...e il medico mi ha detto che potrebbe essere solo ansia. E per cui sto cercando di non dare troppo peso ai sintomi che ho, aspettando che col tempo spariscano, anche perchè forse sono legati più alla debolezza dovuta alla febbre. (il formicolio è passato, a dimostrazione del fatto che non era ansia...perchè anche dopo che è passato, io ero molto preoccupato ed ansioso per la febbre, pur non avendo più formicolio...quindi semmai credo che la causa fosse l'infezione stessa, e lo stato di alterazione febbrile)
Ho notato che nei giorni in cui esco e mi muovo, la febbricola scende di 2-3 decimi, e poi il giorno dopo risale se resto fermo in casa. Sembra che il movimento faccia scendere la febbre. Mah...non so più cosa pensare. Oggi ho parlato con un altro medico, e osservando tutti gli esami, mi ha detto di avere pazienza e aspettare che passi da sola. Ed ha aggiunto che se avessi qualcosa di grave, dalle tante analisi ed esami sarebbe uscito. Sul linfonodo, ha poi detto che l'ecografia da comunque indicazioni sulla struttura dei linfonodi, e se ci sono condizioni sospette, sono comunque visibili, anche se vanno indagate successivamente. Quindi se l'ecografo ha parlato solo di linfonodi reattivi, e dalle analisi non risulta nulla, posso stare abbastanza tranquillo? Penso che eseguirò un'altra ecografia del collo tra qualche settimana, insieme ad analisi del sangue, per vedere come cambia la situazione. Grazie ancora per le sue risposte, e le sue rassicurazioni...che in una condizione psicologica come questa, mi sono certamente d'aiuto. Buona giornata.
[#33] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Grazie a lei per la fiducia. Cerchiamo almeno di essere vicini alle persone per quello che si può con un consulto on line.
Sicuramente se ci fosse qualcosa di "serio", con tutti questi controlli sarebbe venuto fuori.
Un cosniglio è quello di distrarsi, per lo meno avrà minor tempo per pensare ai sintomi e magari si affievoliranno con il tempo senza che se ne accorga.Se la traqnuillizza si sottoponga all'ecografia e alle analisi del sangue, ma che non divenga un circolo chiuso di controlli e controlli, perchè ciò che può essere una "banalità" se pur avvertita diversamente,può diventare un pensiero fisso ed uno stato di ansia generalizzata.

Cordiali saluti.
[#34] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Salve. Stasera, 2 ore fa, ho avuto un altro episodio di tachicardia, (100 battiti) e pressione 150-98 con senso di svenimento, avevo bisogno di più aria, sensazione di corpo estraneo nell'esofago che non vuole scendere, (non stavo mangiando) e poi sono comparsi brividi di freddo, mal di gola, e mal di testa..quest'ultimo, è durato solo un minuto, ed è stato molto forte. Ma che cos'ho? Non ero agitato...stavo calmissimo, ed anche più sereno, perchè la febbre oggi stava scendendo un po. (a tal proposito dopo aggiungo una cosa) E quindi io, escluderei completamente l'ansia. Ci sono momenti in cui sono veramente preoccupato, e fisicamente sto benissimo..e momenti come oggi, in cui ero addirittura felice e più sereno, e poi all'improvviso sto male. Ho anche misurato la febbre ed è 37,6, mentre solitamente a quest'ora la mia temperatura, in questi due mesi di febbricola, torna sempre ad essere quasi normale. (37,1) Cercando un po su internet, e mettendo insieme tutto, formulerei un'ipotesi: ho letto che l'esofagite da reflusso (che mi è stata diagnosticata con gastroscopia) può essere provocata da virus, come l'herpes o la varicella. L'esofagite può dare sintomi che sembrano cardiaci, ed anche tachicardia. E poi ho letto che nel momento in cui si hanno brividi di freddo spesso è perchè vi è un immissione nel circolo sanguigno di batteri o altri patogeni. E poi ho avuto subito anche mal di gola e mal di testa...e se fosse un problema del cuore, non penso che dia mal di gola, vero? E quindi è possibile che quello che mi è appena successo, sia dovuto a quest'infezione? Ora ho anche doloretti nel petto, all'altezza del cuore..eppure ho fatto tanti elettrocardiogrammi, ecocardio, ed anche un holter per 24 ore..e dall'ecocardio è risultato solo un lieve incurvamento dei lembi valvolari mitrali, con lieve insufficienza della valvola mitrale. L'holter ha invece denotato solo una tachicardia diurna..e il cardiologo mi ha detto che se avessi problemi di cuore, dovrei essere tachicardico anche di notte...e che quindi è solo ansia. (eppure sto prendendo gli ansiolitici che mi hanno consigliato!!!!!) Ma insomma che cos'ho? Sono sintomi orribili...possibile che devo stare cosi male senza sapere che cos'ho? A chi mi devo rivolgere? E' già la quinta volta che mi succede in 2 mesi, e mi sono stancato! Non ne posso più. L'ultima volta, andai in pronto soccorso, e mi ricoverarono per accertamenti, e il giorno dopo, mi hanno fatto un prelievo e hanno trovato la mioglobina a 140, (e il valore normale massimo era sui 70) ma gli altri enzimi cardiaci tutti nella norma. Ancora adesso sento un peso nel petto, e mi sento molto debole. E' assurdo che nessuno mi sappia dire che cos'ho. Non è ansia...ne sono ASSOLUTAMENTE CERTO. (mi stavo convincendo a furia di sentirmi dire che è solo ansia...ma dopo l'episodio di oggi, mi sembra ridicolo) L'ansia semmai, (un po riconosco di averla) è una conseguenza di questo stato e di questo malessere che dura da due mesi (e credo che chiunque al posto mio diventerebbe ansioso..specie nel vedere che nessun medico riesce a comprendere i miei sintomi)...ma non c'entra nulla con questi episodi di tachicardia senza motivo, e con questa febbre. Questa volta non sono andato in pronto soccorso...e ho voluto resistere a casa. Se fossi cosi ansioso, mi sarei precipitato di nuovo in ospedale.
Ho anche notato, che questi episodi si verificano proprio nei giorni in cui la febbre sembra che stia diminuendo. E' sempre successo cosi. Appena scende la febbre, è quasi peggio...e poi risale di colpo come adesso.
E' come se, quando si abbassa la febbre, il patogeno ne approfittasse subito e si diffondesse di nuovo nel corpo.
Penso che la cosa più probabile è che abbia un'infezione virale, che ha provocato un'esofagite, che poi provoca questi disturbi di tachicardia, specie nei momenti di picco febbrile o di circolo di patogeni nel sangue. Pensa che quest'ipotesi possa essere corretta? E se dopo due mesi sto ancora in queste condizioni, quasi come due mesi fa, allora quando guarirò? Di questo passo mai. Grazie e chiedo scusa per la lunghezza dell'intervento.
[#35] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Salve dottore. Ormai sono passati tre mesi, e questa febbricola, non accenna a diminuire. E io sono sempre più stressato, stanco, e dolorante. I medici sanno solo dirmi che è ansia...come se l'ansia, potesse gonfiare i linfonodi, arrossare la gola, e dare febbre fino a quasi 38. Non so più cosa fare..ho fatto mille analisi e non risulta niente, a parte le igg della mononucleosi alte, e i valori del micoplasma ancora più aumentati, (sebbene restino sempre bassi, rispetto alle vere infezioni da micoplasma) nonostante gli antibiotici. E cosa ancor più strana, in ospedale, con metodo diverso, l'esame per il micoplasma fu negativo, sia per IGA, sia IGM ED IGG. Insomma, per loro non avevo MAI avuto un'infezione da micoplasma, che difatti con tutti gli antibiotici che ho fatto, sarebbe già dovuto passare. Un medico mi ha detto che i valori del micoplasma si possono alterare per altri motivi, e NON sono specifici. Cosa mi consiglia?