Utente 188XXX
Salve, mi chiamo Michele e scrivo non per me ma per alcuni dolori che manifesta mio padre e vorrei capire se preoccuparmi seriamente o meno. Mio padre ha 56 anni, è iperteso e da circa 4 anni dopo visita cardiologica prende due pillole per l'ipertensione, cardioaspirina e Torvast. Da quando adotta questa cura misura regolamente la pressione il cui valore medio si aggira intorno a 135 - 86 di media, non fuma ma è leggermente obeso (IMC circa 31) ed ha la tendenza a minimizzare certi dolori ed evitare di andare in ospedale. Inoltre da esami fatti circa 2 anni fa si è riscontrato che ha entrambe le carotidi leggermente occluse (una per il 45% e l'altra per il 55%). Alcune volte quando ritorna da lavoro dice di avere dei dolori al petto e un intorpidimento del braccio sinistro che arriva anche alla mano. Altre volte dice di sentirsi "mancare l'aria" e qualche volta gli gira lo stomaco. Tali dolori durano alcuni minuti ed è difficile capire se magari sono dovuti al freddo o ad altro. Oggi per esempio non appena è tornato da lavoro non si sentiva molto bene ed è direttamente andato a misurare la pressione. Tali dolori potrebbero essere dovuti a qualcosa che coinvolge l'attività cardiaca? Sarebbe necessaria una visita da uno specialista? Mi potreste accennare agli esami che eventualmene potrebbe fare per capire di più sul suo stato di salute? Grazie anticipatamente.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
E' evidente che Suo padre ha parecchi fattori di rischio cardiovascolare (sovrappeso, dislipidemia, ipertensione). Se consideriamo inoltre la aterosclerosi carotidea e l'insorgenza di sintomi sospetti, direi che è assolutamente necessario che si sottoponga sollecitamente ad una visita cardiologica, nel corso della quale gli verranno prescritti i necessari approfondimenti diagnostici. In tale attesa, deve continuare la terapia in corso, e non si sottoponga a intensi stress fisici.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille del tempestivo consulto. Non appena avrò i risultati della nuova visita le farò sapere.
Cordiali saluti.