Utente 332XXX
Gentili dottori,

In data 23 Luglio 2010, tramite una donazione di sangue scopro di avere la sifilide (VDRL, ELISA, TPHA, FTA Ab, tutti positivi), il medico mi dice che sono già diversi mesi che l'ho contratta, però io non ho avuto nessuna manifestazione particolare).

In data 3 Agosto 2010 effettuo la terapia con Penicillina (2 flac. intramuscolo, 1.200.000 U.l., effettuata in un unico giorno; un'iniezione su un gluteo e una sull'altro).

In data 11 Gennaio 2011 effettuo un controllo. Questi i risultati:
- TPHA positivo 1:640
- SIERODIAGNOSI LUE (metodo CLIA) positivo
- VDRL Positivo++

Il medico mi ha detto che è normale poichè i valori resteranno tutti positivi per anni ma io sono preoccupato! E' possibile che dopo 6 mesi dalla terapia antibiotica ancora i miei valori siano tutti positivi?

Comunque il medico mi ha detto di stare tranquillo perchè secondo lui abbiamo ucciso i treponemi!

Attendo con ansia i vostri commenti!
GRAZIE

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
ha contatto un dermatologo?
Esistono esami che non si negativizzano mai , es .TPHA , ed altri per i quali , dopo corretta terapia (magari la sua non è stata troppo "robusta", esistono scuole di pensiero che consigliano dosaggi maggiori ) ci si aspetta un netto decremento dei valori.
Come era la VDRL di partenza (dosaggi quantitativi)?
E' stato fatto l'FTA-abs IgM e IgG?
[#2] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2007
Purtroppo gli esami di partenza non sono quantitativi, ma c'è scritto solo la positività.

La terapia e il controllo effettuato oggi non sono stati esaguiti da un dermatologo ma da un patologo clinico specializzato in malattie infettive. Il medico mi ha inoltre detto che non è più necessario fare esami di controllo in quanto non c'è pericolo e comunque ci vogliono parecchi anni prima che i valori tornino negativi.

Cosa devo fare? Sono molto preoccupato e spaventato!

Secondo lei conviene che mi rivolga a un dermatologo? Io non mi sono rivolto al dermatologo poichè dall'inizio della malattia fino ad oggi non ho avuto nessun sintomo a livello cutaneo... fortuna che mi sono trovato a donare il sangue e ho scoperto la malattia.

Secondo lei non sono ancora guarito?
Perfavore mi dica cosa fare...
GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Il dermatologogo ha una competenza specifica sulla sifilide, e addirittura la clinica era chiamata DERMOSIFILOPATICA.
Infatti tuttora la specialità è in Dermatologia e VENEREOLOGIA (CHE NON è LO STUDIO DELLE VENE, MA DELLE MALATTIE VENEREE!).
E' verosimile che lei non sia più contagioso e che la malattia non sia più in atto, ma esistono mezzi per confermare quanto sopra.
Per le reazioni non treponemiche quali la VDRL calo di almeno 2 diluizione (per questo i valori devono essere quantitativi);per la FTA-abs le IgM, inizialmente alte , debbono calare sensibilmente , mentre le IgG al contrario.
Se questo esame non è stato fatto, per lo meno iniziare a controllare il rapporto tra le 2 classi di Ig.
Non avrei bisogno di altri esami al momento, sofisticati o meno.
Sulla base di questo si può partire con altra diagnostica , o , se il caso altre dosi di pennicillina ,più prolungate nel tempo , in accordo al comportamento replicativo della spirocheta.
Cordialità

[#4] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2007
Scusi un'altra domanda: posso rivolgermi a qualunque dermatologo o non tutti hanno "competenze" in venereologia?

Se le devo essere sincero per tutti questi mesi ho trovato strano il fatto che il medico non mi ha fatto eseguire esami quantitativi!

Come sintomi posso dirle che a differenza dello scorso anno dove avevo quotidianamente una febbricola intorno ai 37°, quest'anno sto benissimo!
L'unica cosa che mi ha preoccupato è che circa 2/3 mesi dopo la terapia mi è comparsa nella parte interna della coscia sx una piccola macchia rosa (arancione) a forma di mandorla, ma leggermente più grande. Questa macchia non aveva caratteristiche particolari, nel senso che non desquamava, non era rialzata... la macchia era completamente uguale al resto della pelle solo che aveva questo colore più intenso! Dopo circa un mese la macchia è sparita!
Può essere un segno o coincidenza?
GRAZIE
[#5] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
In teoria tutti gli specialisti in dermatologia e venereologia dovrebbero avere le competenze necessarie, con variazioni a seconda dei campi di interesse.
Per quanto riguarda la macchia essa , così raccontata è troppo aspecifica per un giudizio attendibile.
Capisco che possa sospettare una lue secondaria ma non ci sono gli estremi.
Deve però attrezzarsi per la diagnostica di cui sopra, e vedrà che molte cose si chiariranno.
Cordialità
[#6] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio di cuore,
proverò con una visita "dermatologica clinica", poichè non ho al momento nessuna manifestazione cutanea!

La terrò informata sul proseguio della situazione.

GRAZIE