Login | Registrati | Recupera password
0/0

Il controllo postprandiale della glicemia

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007

    Il controllo postprandiale della glicemia

    Salve,
    avrei dovuto effettuare in gravidanza la minicurva da carico orale come previsto.
    Hanno dovuto pero' sospendere il mio esame in quanto dopo circa 20 minuti dall'assunzione del glucosio sono quasi svenuta ed ho rimesso il tutto.
    In ospedale mi hanno detto che potrei fare lo stesso esame sostituendo al glucosio una ricca colazione (con tanti zuccheri), ossia il controllo postprandiale della glicemia.
    Di seguito le mie domande:
    1) Secondo voi, va bene lo stesso come screening per il diabete gestazionale?
    2) Cosa sarebbe opportuno mangiare (per poter fare l'esame) ed in che quantita'?
    3) Il fatto che abbia rimesso il glucosio puo' essere la "spia" che sono intollerante agli zuccheri? Premetto che mi hanno suggerito di berlo "tutto di un sorso" e cosi' ho fatto..

    La mia glicemia a digiuno e' sempre stata bassa, non ero in sovrappeso prima della gravidanza e sono aumentata di circa 5 kg alla 27 settimana. Non mangio dolci, se non in modiche quantita'.

    Grazie, saluti





  2. #2
    professionista non più iscritto (id: 20563)
    La minucurva o test di O'sullivan prevede un carico orale di soli 50 grammi (anziche' i 75 della normale curva da carico).

    Con le normali soluzioni di destrosio al 50%, significa che bisogna bere 100 mL (un bicchiere) di una specie di limonata dolciastra. Non tutte le gravide riescono a "tenerlo giu'", grossomodo una paziente su 20 vomita. In tal caso si tiene in sospeso la pratica amministrativa, e l'esame viene ripetuto poghi gg. dopo, per lo piu' senza problemi, a conferma che il vomito e' episodico e non sitematico.

    Dato che il secondo punto della curva va prelevato dopo 60', e' chiaro che lo zucchero non puo' "spalmato" pigramente nell'arco di mezz'ora, ma questo non significa nemmeno che si debba ingollarlo in un colpo solo. Si beve a piccoli sorsi, non superando il tempo di 5 minuti. Successivamente e' ammesso bere acqua, se la gola brucia, come capita.

    Il vomito e' una cosa che succede, non indica nessuna patologia particolare.

    Sostituire la curva con "una ricca colazione" o con una glicemia postprandiale e' un approccio spannometrico, lascia il tempo che trova.


  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007
    Gentile Dottore,
    grazie per la risposta.

    Un'ultima domanda: per evitare il fortissimo bruciore di stomaco che ho avuto al momento dell'ingestione del destrosio (soffro di gastrite)
    posso mangiare qualcosa immediatamente dopo (un biscotto, dei crakers)
    o non e' consentito nulla a parte l'acqua?

    Cordiali saluti e buon lavoro



  4. #4
    professionista non più iscritto (id: 20563)
    Non deve mangiare niente perche' evidentemente il glucosio dell'amido del biscotto si aggiungerebbe al glucosio del bicchiere falsando il carico e quindi il test.

    Puo' invece diluire lo zucchero con acqua, sia bevendo dopo, sia chiedendo che il bichiere venga allungato. La quantita' di glucosio non viene modificata dalla quantita' di acqua in cui lo sciogliamo.

    Lo zucchero concentrato puo' irritare le mucose, creando anche pizzicore in gola, ma diluendolo la situazione migliora.




  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 20 Medico specialista in: Endocrinologia
    Diabetologia e malattie del metabolismo

    Risponde dal
    2007
    Per ora non faccia più nulla;è inutile insistere con la minicurva.
    Qual'era il suo peso e (l'altezza) prima della gravidanza? ed ora? ha familiari diabetici? come va con l'ecografia morfologica?
    La cosa importante è non prendere, o limitarlo al massimo, il bambino cresce lo stesso.



  6. #6
    Utente donna
    Iscritto dal
    2007
    Buongiorno,
    grazie per le risposte.

    Prima della gravidanza pesavo 59 kg per 164 cm; avevo anche un buon tono muscolare facendo sport almeno 4 ore a settimana.

    Alla fine del sesto mese ho preso circa 5 kg e 500 gr.

    L'unico parente diabetico era mia nonna materna.

    Nell'ecografia morfologica non mi hanno dato una stima del peso fetale, ritenendo -l'ecografista- non importante a tale epoca il peso; ha solo commentato, alla mia richiesta, che era una bambina "lunga" e "magra"
    Ho poi calcolato su Internet il peso fetale usando il diametro biparietale e la circonferenza addominale e in base a questi calcolatori il peso stimato alla 21a era di circa 430 gr..

    Anche io sono un po' preoccupata all'idea di ripetere la minicurva, dato quanto sono stata male, ma nello stesso tempo non vorrei rischiare di NON diagnosticare un possibile diabete gestazionale.

    Non vi sono altri esami che possano dare indicazioni in tal senso?

    Ancora grazie e buon lavoro



  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 20 Medico specialista in: Endocrinologia
    Diabetologia e malattie del metabolismo

    Risponde dal
    2007
    per quanto riguarda il Peso deve stare ancora più attenta all'alimentazione ed assumerfe meno carboidrati.
    Ha preso 5,5 kg e non sono pochi poichè è nel 3° trimetre che aumenta l'appetito e si possono prendere più chilogrammi inquanto è anche il periodo di maggiore crescita fetale.
    Per altri esami si faccia un profilo con il glucometro (test di autocontrollo della glicemia comunemente in dotazione ai diabetici) per due/tre giorni consecutivi: glicemia prima di colazione , pranzo, cena e 2 ore dopo colazione, pranzo,cena.
    Dal suo medico si faccia prescrivere:l'emoglobina glicosilata, glicemia basale e due ore dopo abbondante colazione e pranzo, esame urine
    Questo può bastare a dirimere ogni dubbio.




Discussioni Simili

  1. Domanda su glicemia
    in Diabetologia e malattie del metabolismo
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 08/08/2007, 15:53
  2. Valore glicemia alto
    in Diabetologia e malattie del metabolismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21/01/2008, 21:39
  3. Glicemia: debbo preoccuparmi?
    in Diabetologia e malattie del metabolismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 07/02/2008, 11:58
  4. Glicemia alta e paracetamolo
    in Diabetologia e malattie del metabolismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25/04/2008, 08:43
  5. Colesterolo e glicemia alta
    in Diabetologia e malattie del metabolismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09/06/2008, 08:30
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,09        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896