Utente 335XXX
Ho 40 anni ed o problemi erettili, da circa 6 mesi sto assumendo totalip 10 per ipercolesterolemia, ldl è passato da 170-180 a 110-120.
La situazione erettile mi sembra migliorata, pue essere merito dell'abbassamento del colesterolo o è un caso?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore 3352,

la ipercolesterolemia rappresenta uno dei più importanti fattori di rischio per il deficit Erettile.
Continui a curare il problema, cambi stile di vita ( attività fisica, fumo, alcool)
si faccia visitare da uno specialista
Dottor Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
[#2] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore il deficit erettivo spesso è causato da dislipidemie come nel suo caso, agendo sulla causa si elimina il sintomo (in questo caso il decit erettivo)

Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la terapia farmacologica tesa alla normalizzazione dei livelli di colesterolo ematico ha finalità protettiva e profilattica nei conronti delle vasculopatie in generale. Ma è solo un aspetto di numerose e diversificate norme igienico-alimentari che tutti noi dovremmo osservare per preservare il più a lungo possibile il bene supremo della salute psico-fisica. Ma correlare tutto questo al Suo problema di disfunzione erettile, mi sembra non condivisibile. In linea di principo, abbassare i livelli di colesterolemia previene la formazione di nuove placche arteriosclerotiche, ma di certo non può "dissolvere" quelle eventualmente già formatesi. Nel Suo caso, direi che è molto più realistico consultare un Collega Andrologo ed intraprednere un corretto iter diagnostico clinico e strumentale per raggiungere una probabile diagnosi della Sua disfunzione.
Ci tenga informati dell’evoluzione del storia clinica, se lo desidera.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO