Utente 189XXX
salve, espongo il mio problema, ho 31 anni, peso 75 kg e sono alto 1.80 non bevo, non fumo e pratico sport e fortunatamente godo di ottima salute. il motivo del mio consulto è legato ad un pensiero che faccio da un po di tempo a questa parte: quando il mio pene è in erezione, il glande spesso rimane ''molle'' (come quando il pene è a riposo)aumenta il suo volume ma non in durezza.Per farlo diventare più duro il più delle volte devo stimolarlo oppure avere uno stato di eccitazione massimo(spesso mi capita immediatamente prima dell'eiaculazione)(altre volte prende ''vigore'' da solo), ma passato lo stimolo ritorna allo stato precedente.in passato ricordo venisse duro più facilmente.questo mio ''problema'' è legato solo al glande, perchè ritengo la durezza dell'asta in erezione decisamente buona cosi' comè il mio stimolo sessuale. in cuor mio posso pensare visto che con un po di imbarazzo ammetto di masturbarmi molto spesso, che il glande abbia perso un po della sua sensibilità, dimostrandola solo con forti eccitazioni o stimolazioni, e a farmi pensare questo è anche il fatto che avendo rapporti con la mia compagna non si lamenta di certo di eiaculazione precoce,perchè duro parecchio.ma per eliminare ogni dubbio ho deciso di effettuare una visita dal mio medico che mi indicherà il da farsi e a chi rivolgermi se necessario, nel frattempo vi ringrazio anticipatamente e consapevole del fatto che le vostre non sono diagnosi, pertando non vincolanti vi sarei grato se mi potreste dire se è un'anomalia vera e propria o una cosa fisiologica.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'esercizio della funzione erettile,sia in autosex che eterosex,non comporta alcun problema di desensibilizzazione,a meno che,per esempio,non sia presente una difficolta' di scivolamento del prepuzio sul glande,magari relativa ad una brevita' del frenulo.Credo che,onde evitare confusioni maggiori,una visita andrologica sia ineludibile.Ci agiorni in merito.Cordialita'.