Utente 107XXX
Gentile dottore,
sono una donna di 28 anni.Spero possa rispondere alla mia domanda,anche se mi rendo conto possa risultare banale:dove si trova precisamente un'ernia inguinale,ossia come dice il termine,nell'inguine e quindi proprio nell'incavo della gamba o anche più sopra?Le chiedo ciò,perchè da circa un mese ho un dolore che parte dalla zona subito sopra all'inguine dal lato sinistro e non precisamente nell'incavo della gamba e che poi spesso si estende all'interno coscia.Al tatto,sento una "pallina" mobile,che però non si avverte superficialmente,ma solo se faccio pressione ed in genere il dolore si attenua solo se sono distesa.Inoltre,non so se sia una mia impressione,ma a me sembra che questa pallina negli ultimi giorni sia aumentata lievemenbte di volume,mi chiedo ma se si dovesse trattare di un'ernia,questa cresce?Circa un mese fa,poi,mi sono sottoposta ad un'eco addome completo in cui tutto risultava nella norma.Alla luce di quanto descritto ,crede che dovrei rivolgermi ad un medico chirurgo o ad un ginecologo?La ringrazio se vorrà essere così cortese da rispondermi,buon lavoro!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
La diagnosi di ernia inguinale è clinica, nel senso che la visita chirurgica sarà sufficiente per una diagnosi differenziale con altre tumefazioni presenti in tale sede.
Probabilmente quella "pallina" mobile, che lei apprezza, anche se è presente nella sede di una ernia inguinale potrebbe essere un linfonodo. Spesso, questi, se leggermente aumentati di volume possono procurare una sintomatologia simile a quella da lei riferita.
Le consiglio quanto prima una visita chirurgica per una precisa diagnosi .
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Quanto indicato dal Dr D'Oriano è ovviamente esattissimo.
Mi permetto di aggiungere che l'esplorazione della regione inguinocrurale, swoprattutto nella donna, richiede una certa esperienza al fine di poter riconoscere evntuali cedimenti delle porte erniarie inguinali o di quella crurale.
Anche se altre affezioni possono interessare il canale inguinale (cisti di Nuck), l'ipotesi di un linfoadenopatia resta comunque anche a mio parere, e con i limiti di una valutazione a distanza, la più verosimile, dovendo in questo caso poi ricercarne l'origine.
[#3] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Gentili dottori,
grazie infinite per il vostro tempo,provvederò a recarmi al più presto da un buon chirurgo!
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Di nulla.
Ci tenga informati.