Utente 189XXX
Gentile Dottore, ho letto le risposte e le varie domande riguardanti questo argomento, ma non rispondono completamente al mio problema.....Cercherò di spiegarle dall'inizio essendo più conciso possibile....ho avuto una ragazza, la mia prima...e nonostante l'agitazione iniziale è tutto andato benissimo nel rapporto, successivamente con l'altra ragazza ho fatto spesso cilecca e lei l'ha presa male, e sono rimasto psicologicamente provato non essendo completamente a mio agio con lei visto che era anche un po' più grande di me.....(ho 30 anni). Con questa nuova ragazza ho avuto sempre un blocco iniziale, ma pian piano mi sto sbloccando, anche se ancora nn riesco a raggiungere un'erezione completa, malgrado riesca a venire durante il rapporto. Sono sicuro che non è un problema fisico, visto che facendo "da solo" raggiungo un'erezione completa ed appagante.....Ed ora sorge la prima domanda.....Nell'intervallo di tempo tra questa ragazza e l'altra, ho fatto spesso "da solo" ed ora che pratico la masturbazione quasi niente, potrebbe essere una causa per questa situazione? La seconda domanda è data dal fatto che il mio medico di base mi ha consigliato di prendere il cialis, per ovviare a questo stato di ansia "da prestazione" e da stress dovuto anche dal lavoro e dai rapporti familiari.....la mia perplessità nasce dal fatto che poi l'assunzione di questo farmaco nn può dare dipendenza? ed infine arriviamo alla terza ed ultima.....Ho fatto una visita andrologica di base, e mi è stato consigliato un consulto con uno psicoterapeuta......In cosa consiste esattamente questa visita, se può spiegarmi in breve......GRAZIE DELLA PAZIENZA

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,in modo conciso Le rispondo :
a) la masturbazione,se non ossessiva,non crea alcun problema
b)l'assunzione di farmaci proerettili non crea dipendenza,se prescritta da uno specialista nell'ambito di una strategia terapeutica.
c)Credo che un'introspezione psicoterapeutica debba essere consigliata nel momento in cui sia stata posta una diagnosi andrologica.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio Dott. Izzo