Utente 188XXX
Salve, sono un ragazzo di 22 anni, con una vita sessuale iniziata a 16 anni del tutto normale!!! Qualche mese fa una sera in discoteca ho avuto un incontro con una ragazza, avevo bevuto un po e nell atto sessuale non sono riuscito ad avere un erezione, sembrava avessi il pene anestetizzato! Da quel giorno mi e' capitato piu' volte ( tranne con la mia ex ragazza, con la quale basta solo baciarmi per farmi avere un erezione ) di trovarmi in situazioni e non avere un erezione! Penso sia una cosa psicologica,perche' noto che ci penso prima e durante l'atto ( che naturalmente non inizia ) come mi puo' aiutare? puo' darmi un consiglio che non sia il solito "vai da uno psicologo per un consulto" perche' non saprei proprio da dove cominciare!Un altra cosa, qnd mi trovo con una ragazza con la quale mi sto frequentando qnd sn in sua compagnia e ci sarebbe la possibilita' di fare sesso, mi viene ansia e comincia a venirmi lo stimolo di fare pipi ogni 15 min. (la pipi e' bianca, simile a qll che faccio prima di una gara, per la tensione della stessa) e con lo stimolo di fare pipi raggiungere un erezione mi e' ancora piu difficoltoso! datemi qualche consiglio non so da dove cominciare ne a chi rivolgermi! grazie. cordiali saluti!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
vada psicologo per un consulto è un consiglio molto sensato, se poi non le sta bene, di qua non so che fare. personalmente farei precedere al consulto psicologico un vistita da andrologo per escludere fattori fisici.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo lla risposta del Dr.Cavallini.
La sfera della sessualità, salute sessuale , benessere di coppia e psico-fisico è una cosa seria, che necessita una diagnosi clinica ed una successiva terapia psico-sessuologica mirata alla sua storia clinica, relazionale, sessuale e correlata alla struttura della sua personalità.
Il suggerimento è andrologo e psico-sessuologo, per decondizionare l'ansia , la paura della paura e lo spectatoring.
Cari saluti