Utente 494XXX
Gentili Dottori,

avrei un quesito da sottoporvi peer sfatare o confermare delle notizie che girano in rete e su parecchi libri specifici. Sto parlando di alcune tecniche di allenamento del muscolo pubococcigeo al fine di trattenere l'eiaculazione e quindi prolungare il rapporto. Se in un rapporto si riesce a praticare la ritenzione del seme, quali sono o possono essere i rischi? Ammesso che l'uso del muscolo per tale scopo sia una pratica da evitare, quali sono i benefici del mero allenamento di tale muscolo?

Vi ringrazio anticipatamente.

Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,qualsiesi tencnica autoctona puo' essere utile al trattenimento della eiaculazione,senza alcun effetto patologico sull'organismo.Comunque,
una diagnosi andrologica va posta,cosi da poter ricorrere all'assunzione di farmaci utili,quale la dapoxetina,che,in mani esperte La uo' aiutare assieme ai metodi empirici (creme,gel etc.) ed a profilattici ritardanti.Va da se' che il limite e' quello di essre giunto a 30 anni senza prendere concreti rimedi. Cordialta'.
[#2] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
probabilmente la ritenzione forzata contribuisce ad una potenziale infiammazione locale.
quanto ai "vantaggi", al massimo, se viene una cistite e si ha bisogno di urinare impellente, forse si riesce ad arrivare in bagno senza farsela addosso.
cordialmente
[#3] dopo  
Utente 494XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dott. Izzo, forse ho posto la domanda in maniera sbagliata. Non ho problemi di eiaculazione precoce, ma sono venuto a conoscenza di questa tecnica (allenamento del muscolo pubococcigeo) con il fine unico di avere piu' rapporti in serie con brevissimi tempi di recupero. Essendo una pratica che a senso mi sembra contro natura volevo giusto sapere se c'erano controindicazioni nell'usarla. Perchè se non ci fossero, i vantaggi mi sembrano evidenti.


Gentile Dott. Biagiotti, non ho ben capito la seconda parte del suo intervento, la devo prendere come una battuta o intende dire che il vantaggio di quel muscolo si riduce alla ritenzione dell'urina? Perchè a sensazione , usare tale tecnica per riuscire a mantenere un erezione subito dopo, o poco dopo un orgasmo, credo possa prolungare di parecchio il piacere sessuale.

Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
vede, il problema non sono le controindicazioni che non ci sono, sono i vantaggi che mancano.
cordialmente
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

le teorie relatve all'"allenamento" dei muscoli interni del nostro corpo sono sostanzialmente delle "bufale".
Certo, che qualche orientale possa aver passato anni della vita effettuando esercizi particolari, associandoli alle meditazioni zen, ottenendo qualche risultato non può essere escluso.
E' come se lei pretendesse di rinforzare i muscoli del suo braccio. Quanta ginnastica, quante flessioni, quanto esercizio dovrebbe fare prima di vederne gli effetti desiderati?? qualche giorno ? non credo, qualche settimana? non credo, qualche mese? forse qualche piccolo miglioramento......
Cari saluti