Utente 145XXX
Salve, sono un ragazzo di 23 anni, da due anni a questa parte ho notato la presenza di un piccola macchia sul glande che ho fatto controllare da un dermatologo e da un chirurgo plastico. Il dermatologo ha osservato la macchia con una lente e mi ha detto che è un neo e di non preoccuparmi. Il chirurgo plastico mi ha pure confermato il fatto che sia un neo che ha tutte le caratteristiche della benignità, di farlo controllare periodicamente perchè comunque la zone è soggetta spesso a stress e quindi potrebbe essere in futuro necessario toglierlo. In tutte e due le occasioni però le diagnosi sono state effettuate solo tramite un ispezione, non è necessario effettuare una metodica della epiluminescenza? Inoltre se dovesse essere tolto lascerebbe una cicratrice nel glande? si parla di un nevo di 2mm di diametro circa.
Distinti Saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
In effetti è sicuramente indicata e utile una valutazione con il videodermatoscopio ad epiluminescenza.
le anticipo comunque che GENERALMENTE le melanosi della zona genitale , di frequente riscontro , sono benigne.
Ma ovviamente esiste una piccola percentuale di rischio quindi deve essere gestito dallo specialista, magari con controlli seriati (ecco la importanza della archiviazione digitale).
Nel caso si proceda ad asportazione chirurgica per avere l'istologico, si dovrà usare il bisturi e certamente vi sarà una cicatrice.
L'entità di questa dipende da vari fattori , non tutti operatore -dipendente.
cordialità
[#2] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Concordo pienamente con il controllo in epiluminescenza e sottolineo che non per forza la lesione andrà asportata; fra l'altro la mucosa del glande cicatrizza molto bene.

cari saluti