Utente 138XXX
Buongiorno, ho 38 anni e da più di un anno ho alcuni sintomi da prostatite (raramente constato sangue nello sperma e molto spesso la presenza di grumi gelatinosi di colore bianco/giallino nello sperma) di cui, nonostante l’aiuto dello specialista che mi sta seguendo, non sono ancora riusciti a stabilirne le cause.
I primi sintomi si sono manifestati a giugno 2009 – con un esame di spermio coltura (esame colturale negativo, thricomonas vaginalis negativo, micoplasmi urogenitali negativo, ricerca diretta chlamydia negativo), il dottore mi ha consigliato una cura (Tavanic, Topster e Ferprost) per vedere se la cosa si risolveva. La cura ha avuto efficacia per qualche mese, fino a luglio 2010. Poi si sono ripresentati gli stessi sintomi e ho ripetuto la cura: stesso riscontro – a posto per qualche mese poi di nuovo gli stessi sintomi.
Il dottore così mi ha prescritto una serie di esami, di cui riporto qui sotto i risultati:
1)INDAGINE MOLECOLARE LIQUIDO SEMINALE
Chlamydia trachomatis: ricerca eseguita mediante amplificazione del DNA batterico e ibridazione del prodotto con sonda fluorescente. Esito: negativo
2)ESAME COLTURALE TRICHOMONAS VAGINALIS, MYCOPLASMA, UREAPLASMA
Negativo
3)URINOCOLTURA
Risultato negativo
4)URINE SU TRE CAMPIONI CON CTM
Diagnosi citologica: Rare cellule epiteliali transazionali, rare cellule epiteliali pavimentose, negativa la ricerca di CTM
5)TAMPONE URETRALE
Ricerca Neisseria gonorrhoeae, ricerca micoplasmi uretrali, chlamydia uretrale: negativa
Batterioscopico uretrale: assenza di flora batterica
6)UROFLUSSOMETRIA
Flusso massimo: 14,3 ml/s (-4%)
Flusso medio: 5,7 ml/s (-44%)
Periodo di svuotamento: 46,0 mm:ss.S (-102%)
Periodo di flusso: 41,7 mm:ss.S
Tempo flusso massimo: 24,6 mm:ss.S (-127%)
Volume svuotato: 239,2 ml
Flusso a 2 secondi: 1,8 ml/s
Accelerazione: 0,5 ml/s/s
VOID: 14/240/0
Residuo di volume: 0 ml
7)ECOGRAFIA ADDOME e TRANSRETTALE
“Entrambi i reni sono di dimensioni medie, con profili regolari, corticale di spessore uniforme e cavità calico-pieliche, bilateralmente, non dilatate. Nel loro contesto a dx si nota urolita di 4mm. Regolare distensione della vescica che presenta profili netti. La prostata studiata per via sovra pubica e endorettale ha un diametro trasverso massimo di mm48, un diametro antero posteriore di mm18 ed un diametro cranio caudale di mm48 per un volume calcolato ecograficamente in circa cc22. La porzione centrale della ghiandola è lievemente disomogenea. La porzione periferica della ghiandola è omogenea senza evidenti lesioni focali. Vescicole seminali normodistese e simmetriche.”

A questo punto il dottore esclude infezioni e tumori. Mi ha consigliato di rifare l’esame di uroflussometria per essere sicuri dei risultati (dice che l’esame può essere distorto a causa dell’imbarazzo che si può avere nel farlo), e se l’esito sarà uguale al precedente mi farà fare altri esami (uretrocistoscopia, cistografia, urografia). Vorrei chiedere a voi un parere in più... grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,lo specialista che l'ha visitata e' molto ben orientato e,quindi,da questa postazione mediatica,possiamo aiutarLa ben poco.La sintomatologia mi sembra saltuaria per cui,credo,ne verra' fuori presto.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 138XXX

Iscritto dal 2009
Gentili dottori,
ho rifatto l'uroflussometria, che ha dato risultati sostanzialmente identici all'esame precedente, dettagliato nel mio post precedente. A questo punto l'urologo mi ha consigliato, prima di eseguire gli esami più invasivi, di fare per due mesi una terapia di XATRAL 10mg, facendo una nuova flussometria dopo 1 mese mezzo dall'inizio della cura.
Ho dovuto aggiornare il mio medico di base, il quale mi dice che secondo lui è necessario una terapia molto più aggressiva per combattere una prostatite cronica, e che quindi mi consiglia di prendere in aggiunta un antibiotico, il Bactrim Forte, per 10gg/mese per almeno 5 mesi. E mi dice anche che secondo lui, un solo mese e mezzo di terapia non è sufficiente per cambiare i risultati della flussometria...

sono un po' confuso, devo dire, e incerto sul da farsi. A dire il vero anche un po' in imbarazzo. Mi potete dare un consiglio su come procedere, per favore?
Grazie mille