Utente 111XXX
Salve,
sono una ragazza di 26 anni e scivo per chiedere un consiglio riguardante mio padre. Egli è nato nel 1951 e da qualche anno ha scoperto di soffrire di ipertensione, come tutti i fratelli e come i genitori. Il medico di famiglia gli ha consigliato una terapia farmacologica che nell'ultimo periodo ha subito un lieve innalzamento del dosaggio. I valori di pressione di mio padre si aggirano sui 150 (massima) 100 (minima) nonostante l'uso di farmaci.
Il suo stile di vita non è molto movimentato, è pensionato e svolge dei piccoli lavori a casa, segue l'orto e i vari animali da cortile. Fortunatamente da circa 15 anni ha smesso di fumare. Purtroppo (credo io) ha la cattiva abitudine di bere vino a pasto, diciamo circa un litro al giorno. Inoltre è sua abitudine mangiare sempre: primo, secondo, contorno, un pezzo di formaggio e mette molto sale nelle pietanze. é alto circa 170 cm e ha una circonferenza vita di 101 cm......un pò critica come misura.......
Io non sono un medico, ma credo che uno stile alimentare più salutare potrebbe aiutarlo a tener sotto controllo questo problema di ipertensione.
Secondo lei se limitasse l'uso di vino, sale e mangiasse più frutta e verdura riuscirebbe ad evitare il peggioramento del probema? In famiglia tutti la pensiamo così tranne lui che continua a riempirsi di cibo e vino......
La saluto e la ringrazio della risposta, sperando di aasomigliare alla famiglia materna dove sono tutti leggermente ipotesi.

Grazie,
P.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
12% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, Lei ha perfettamente ragione: Suo padre deve necessariamente cambiare stile di vita, non solo nelle abitudini alimentari ma anche facendo regolare attività fisica, controllando i grassi nel sangue e perdendo peso.
Credo che il vostro medico di famiglia dovrebbe intervenire con decisione in tal senso.
Cordiali saluti