Utente 115XXX
Gentili Dottori,
ho una bambina di tre mesi e mezzo che da due ha un emangioma sull'arcata sovraciliare sinistra che non crea problemi di occlusione alla palpebra. Dall'ecografia risulta esserci una lacuna liquida di 12x8x14mm in sede sovraperiostale.Ho portato proprio ieri la bambina in ospedale per fare la visita nel reparto di Dermatologia pediatrica del Policlinico di Bari e lì è stata visitata ,in un primo momento, da una Dottoressa che non appena l'ha vista ha detto che si tratta di un angioma che non crea problemi ma che, in virtù della medicina preventiva, bisogna trattare perchè ,in seguito ad una sicura regressione ,potrebbe lasciare una sacca che darebbe un fastidio che "noi non vogliamo".
Ha poi voluto che aspettassi lo specialista che invece, dopo aver visto labambina, ha parlato di emangioma profondo che non necessita nè di trattamento atopico perchè non sarebbe risolutivo, nè di trattamento orale che esporrebbe la bambina a possibili allergie o infezioni ospedaliere inutili.L'emangioma non è aumentato, perciò mi ha rinviato a controllo che avverrà al quinto mese dalla sua comparsa.In conclusione non devo far nulla e aspettare che l'emangioma regredisca spontaneamente in 4 o 5 anni.E se rimane la sacca?Ah, l'emangioma si presenta con un punto rosso e sembra un bernoccolo anche se non lo è.
Vorrei un Vostro consiglio in merito e se gentilmente vorrei l'indicazione di uno specialista a riguardo nelle Province di Bari o Cosenza. Mille grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
si affidi allo specialista che, giustamente, ha suggerito un approccio conservativo al problema.
Qualora desiderasse un ulteriore parere, visiti il sito www.sicmf.org.
Cordiali saluti