Utente 189XXX
Ciao, sono un ragazzo di 18 anni. Sono alto 1,88 cm e peso 130 kg. Sono a dieta da circa una settimana e faccio, un giorno sì ed un giorno no, tapis roulant, circa 30:00. Non ho mai avuto problemi di salute, tranne questi kilogrammi in eccesso, ma sto cercando di rimediare.
Ieri ho avvertito un dolore al braccio ed al petto. Preoccupatissimo, io ed i miei genitori siamo corsi al pronto soccorso. Mi è stata misurata la pressione arteriosa due volte. La prima volta i medici si sono spaventati perché era alta, ma, guardandomi, hanno visto quanto ero agitato. La seconda volta, quando ero più rilassato, era buona. Mi è stato fatto il prelievo che andasse ad analizzare il cuore, con esito negativo fortunatamente. Mi hanno fatto anche l'elettrocardiogramma, ma tutto apposto. Dopo un po', mi hanno detto che il mio problema è stato causato dall'ansia e dal nervosismo.
Da ieri ho questo fastidiosissimo dolore al petto nella parte sinistra. Sono preoccupatissimo. Di che cosa può trattarsi?
Premetto che da quando è iniziata la scuola sono sotto pressione. La sto vivendo come un incubo perché faccio lo Scientifico e gli insegnanti pretendono davvero troppo! Inoltre stavo pensando anche al fresco perché, quando mi faccio la doccia, non asciugo i capelli. La notte dorno con le finestre aperte e, anche d'inverno, sto con le magliette di cotone a mezze maniche...
Potrebbe trattarsi di ansia, nervosismo e fresco? Quando bevo bevande calde il dolore diminuisce...
A casa ho le compresse Ascriptin, possono andar bene?
Grazie in anticipo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Premesso che con questo mezzo non è possibile porre diagnosi nè tanto meno prescrivere terapie, pare proprio che il cuore non sia la causa di questo dolore toracico atipico.
Le ipotesi che hai posto sono tutte possibili, anzi credo che possa trattarsi del risultato dell'azione di tutte e tre.
Se il disturbo continuasse, però, parlane al medico di famiglia.
Cordiali saluti